succede in borsa

Nb Aurora, parte l'aumento di capitale da 150 milioni

L'operazione sarà effettuata attraverso un’offerta con diritto di opzione di azioni ordinarie di classe A sul Miv di Borsa Italiana. Previsto anche un piano B: un collocamento privato riservato a investitori qualificati

Nexi sbarca in Piazza Affari

Piazza Affari a Milano

Il consiglio di amministrazione di Nb Aurora ha deliberato di procedere con un aumento di capitale della società, nei limiti del capitale sociale autorizzato. L’aumento consiste in un’offerta con diritto di opzione di azioni ordinarie di classe A di nuova emissione agli attuali soci. 

A partire dall’Ipo del maggio 2018, Nb Aurora ha investito direttamente circa 158 milioni di euro. A maggio la società ha distribuito un dividendo di 18,9 milioni di euro

Le nuove azioni, una volta emesse, avranno le stesse caratteristiche delle attuali azioni ordinarie di classe A della società. L’offerta, che si prevede avverrà nel corso del primo semestre del 2020, prevede un ammontare pari a circa 150 milioni di euro. I termini e le condizioni dell’offerta, ivi inclusi il prezzo di sottoscrizione e il relativo calendario, saranno comunicati nei tempi opportuni. 

Nel caso in cui i diritti di opzione venissero esercitati solo in parte, si procederà con un collocamento privato riservato a investitori qualificati, nel contesto del quale il cda collocherà le nuove azioni che non sono state sottoscritte nel corso dell’offerta in opzione.

I diritti di opzione saranno negoziabili durante l’offerta sul segmento professionale del mercato telematico degli investment vehicles (Miv), gestito da Borsa Italiana; e scadranno se non verranno esercitati dagli attuali soci possessori di azioni di classe A entro il termine del periodo dell’offerta in opzione.

L’aumento di capitale è principalmente finalizzato a sostenere l’obiettivo di Nb Aurora di rafforzare la propria struttura patrimoniale con apporti di capitale che permettano di consolidare la crescita e di cogliere future opportunità di investimento.

leggi anche | Banca Mediolanum pronta a lasciare Mediobanca

A partire dall’Ipo del maggio 2018, Nb Aurora ha investito direttamente circa 158 milioni di euro (174, se si considera Phse, il cui investimento dovrebbe perfezionarsi nel corso del primo trimestre del 2020). In particolare, la società ha effettuato: l’acquisto del 44,55% di Fondo Italiano di Investimento (Fii), nonché l’acquisto di quote di minoranza in Club del Sole, Dierre Group e Rino Mastrotto, raccogliendo co-investimenti per un importo complessivo di circa Euro 23 milioni, principalmente da parte di family offices italiani.

Dall’investimento in Fii, Nb Aurora ha già percepito un importo pari a circa 126 milioni di euro a titolo di distribuzioni (realizzando un capital gain di circa Euro 63 milioni), a seguito della vendita di 9 società in portafoglio, tra cui il gruppo Forgital, Mesgo, Rigoni di Asiago, Sanlorenzo e La Patria. Nel maggio 2019, la società ha distribuito un dividendo di 18,9 milioni  di euro corrispondenti a circa 1,0574 euro per azione, sulla base dei risultati di esercizio dell’anno 2018.

La società ha già depositato una bozza di prospetto, richiesto per l’ammissione alla negoziazione sul Miv, sia dei diritti di opzione che delle nuove azioni (incluse quelle che saranno collocate mediante il collocamento privato), presso la  lussemburghese Commission de Surveillance du Secteur Financier.

leggi anche | Ok di Consob al prestito obbligazionario di Intek Group 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo