Quantcast

gestori

Il repricing e l'exploit degli utili nell'industria del risparmio

Il calcolo delle fee di performance su base mensile e non più annuale, insieme al repricing, sono alcuni dei motivi tecnici della crescita esponenziale dei profitti di molti gestori di risparmio

Il ruolo del ricalcolo delle commissioni nell'exploit degli utili

Il calcolo delle commissioni di performance non più su base mensile ma annuale, anche nei paesi in cui hanno sede gran parte delle società di gestione (come Lussemburgo e Irlanda), insieme alla modifica del sistema stesso del loro calcolo, sarebbero tra i principali motivi dell'exploit dei profitti delle società di gestione del risparmio. 

Ne scrive questo fine settimana Affari e Finanza - La Repubblica, in un approfondimento dedicato alla importante levitazione che hanno registrato i gestori italiani, citando il raddoppio dell'utile netto di Azimut, Banca Generali e di Banca Mediolanum

Il repricing, ossia la maggiorazione delle commissioni fisse, come sottolinea l'equity analist di Mediobanca Securities, Gian Luca Ferrari, permetterà ad Azimut di puntare al raddoppio, nel 2019 rispetto al 2018, dei guadagni provenienti dalle free. Stesso discorso per Mediolanum che passa la voce sugli incassi da commissioni dai 7 ai 152 milioni. 

Discorso a parte per Generali, che ha trovato un margine di crescita importante dal risparmio ottenuto dalla sostituzione dei prodotti di Lux Im che presentano commissioni più basse rispetto alla storica sicav lussemburghese multi-comparto, Bg Selection. Un aumento ridotto delle fee è stata anche la scelta di Fineco che ha chiuso il 2019 con un bilancio in crescita senza che venissero introdotte commissioni sulle performance. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo