coronavirus & economia reale

Unimpresa Lombardia: Abi metta mano ai debiti societari

La presidentessa dell'associazione, Isa Gatti, chiede la concessione della rinegoziazione di tutte le posizioni debitorie, dai fidi a tutte le linee di credito

Rinnovato l'accordo Intesa Sanpaolo-Bei per il sostegno a imprese Midcap e Pmi

"Proporremo alle banche operanti nella Lombardia e anche all'Abi, un accordo per concedere alle imprese la rinegoziazione di tutte le posizioni debitorie, dai fidi a tutte le linee di credito". Lo annuncia il presidente di Unimpresa Lombardia, Isa Gatti, in una nota stampa ripresa da Adnkronos.

I provvedimenti richiesti da Unimpresa Lombardia potrebbero essere estesi a livello nazionale

L'intesa, che si chiede di mettere in campo per affrontare l'emergenza coronavirus, successivamente potrebbe essere estesa su scala nazionale. Occorre "trovare rapidamente un patto tra istituti di credito e imprese, al fine di mantenere in piedil'economia, nel reciproco interesse", sottolinea Gatti.

''Il territorio della nostra regione è letteralmente fermo e sono pertanto indispensabili misure straordinarie per evitare che si inneschi una spirale negativa interminabile", prosegue il presidente. Quello della liquidità e dei prestiti da rimborsare sarà un argomento "essenziale sin dai prossimi giorni", ecco perché "dobbiamo evitareche le imprese siano strozzate dalle scadenze di piani di rimborso concordati con prospettive assai diverse".

L'epidemia del Covid 19, sottolinea Gatti, ''è stata improvvisa e ha messo in ginocchio un territorio che contribuisce in maniera significativa al prodotto interno lordo del Paese. Qualsiasi forma di sostegno 'locale', quindi, avrà benefici positivi su tutto il territorio nazionale''.

sviluppi | Abi estende le moratorie per i prestiti alle imprese

leggi anche | L'industria 4.0 e la rivoluzione digitale del manifatturiero

leggi anche | Un correntista su quattro lamenta un aumento dei costi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo