coronavirus

100 milioni da Intesa Sp per rinforzare le terapie intensive

Portare i posti letto delle rianimazioni degli ospedali italiani dagli attuali 5 mila a 7.500. A questo dovranno servire i 100 milioni che la banca di Messina ha messo a disposizione del sistema sanitario

 London Stock Exchange, Messina contro l'ipotesi di poteri speciali al governo

Carlo Messina, ceo di Intesa Sanpalo

"Siamo pronti a donare fino a 100 milioni, li metteremo a disposizione del Paese, per progetti specifici che affrontino l'emergenza sanitaria". Lo ha detto l'ad di Intesa Sanpaolo, Carlo Messina, annunciando con un'intervista al Corriere della Sera la l'impegno dell'istituto di credito per interventi che vadano a "rafforzare le strutture di terapia intensiva, portando i posti letto da 5.000 a 7.500. Ulteriori risorse potranno essere utilizzate per creare ospedali da campo e per l'acquisto di apparecchiature mediche". La banca lancerà anche una raccolta fondi presso i propri clienti. 

aggiornamento | Accordo Intesa Sp-Protezione Civile sull'uso dei 100 milioni donati

Dal sindaco di Milano, Giuseppe Sala, al presidente della Regione Lombrdia, Attilio Fontana, fino al ministro per gli Affari regionali, Francesco Boccia, e Condacons, tutti ringraziano la banca per la scelta. Risorse economiche destinate alla sanità, in questo momento, sono molto importanti, viste le varie richieste da aiuto arrivate nelle ultime ore dall'Associazione degli anestesisti e non solo. 

Tra le varie iniziative di solidarietà da parte degli istituti di credito italiani si registra anche quella di Unicredit, che la scorsa settimana ha stanziato 1 milione di euro stanziato a sostegno della Protezione civile

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo