ingressi

Credem nomina Viola manager banking commerciale a Pavia

Il gruppo è presente nella provincia pavese con due filiali, a Pavia e Vigevano, e circa 5 mila clienti per quasi 300 milioni di euro di asset complessivi

Paolo Viola, nuovo manager banking commerciale di Credem a Pavia

Paolo Viola, nuovo manager banking commerciale di Credem a Pavia

Credem ha ingaggiato nelle ultime settimane un nuovo professionista per la gestione dei servizi di consulenza in Lombardia. Si tratta Paolo Viola, proveniente da Ubi, che va a ricoprire a Pavia il ruolo di manager banking commerciale. Credem è presente nella provincia pavese con due filiali, a Pavia e Vigevano, e circa 5 mila clienti per quasi 300 milioni di euro di asset complessivi.

 “La conoscenza di Paolo Viola del tessuto imprenditoriale pavese e la sua professionalità permetteranno al nostro  gruppo di essere ancora più vicino a questo straordinario territorio”, commenta Luca Galloni, direttore territoriale di Credem. Un territorio, quello lombardo che purtroppo registra il numero maggiore delle infezioni da Covid-19 (oggi arrivate a 5.791 casi), la polmonite che sta tartassando Italia ed Europa. 

L’obiettivo per il 2020 è incrementare sia il numero dei clienti (300 nuovi clienti) sia le masse (60 milioni di euro in più), con un focus particolare sui prestiti a sostegno dell’economia locale. La rete lombarda di Credem è composta da 76 tra filiali in cui operano più di 500 persone al servizio di oltre 125 mila clienti e con masse per 13,8 miliardi di euro.

A fine gennaio, infatti, la Banca Centrale Europea ha comunicato per la prima volta la lista dei requisiti patrimoniali addizionali (Pillar 2 Requirement) assegnati, ad ogni banca da lei vigilata, nell’ambito del processo annuale di revisione prudenziale (Supervisory Review and Evaluation Process – SREP) che si è svolto nelle scorse settimane.

Il gruppo Credem risulta la banca commerciale europea con il requisito patrimoniale più basso in assoluto, pari a 1%, a testimonianza della solidità e dell’attenzione alla gestione del rischio che caratterizzano il gruppo, avendo contestualmente supportato costantemente l’economia italiana nel corso degli ultimi anni aumentando progressivamente gli impieghi del 35% da fine 2010 (oltre 6,5 miliardi di euro di incremento).

All’interno del panel complessivo delle 108 più importanti banche europee che hanno autorizzato la Banca Centrale Europea a pubblicare il proprio requisito patrimoniale addizionale (sulle 117 banche vigilate), solo 2 banche francesi (una specializzata sugli investimenti e controllata direttamente dallo Stato, l’altra specializzata nel rifinanziamento dei mutui residenziali) presentano un requisito patrimoniale inferiore (0,75% vs. 1%). Al 30 settembre 2019 il CET1 Ratio di Credem(1) era di 13,7% con un buffer rispetto al requisito SREP assegnato per il 2020, pari all’8%, di circa 570 basis point ai vertici del sistema.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo