ingressi

Levantini entra nella rete dei private banker di Kairos sgr

Il gruppo Kairos annuncia l’ingresso di Andrea Levantini, ex managing director di Equita sim, nel team di private banker della propria sgr guidato da Caterina Giuggioli

Fabrizio Rindi, ceo di Kairos

Fabrizio Rindi, ceo di Kairos

Il gruppo Kairos annuncia l’ingresso di Andrea Levantini nel team di private banker della propria sgr guidato da Caterina Giuggioli. Levantini ha alle spalle oltre venticinque anni di esperienza nelle attività di corporate finance, tra cui M&A, equity capital markets e investment advisory.

Levantini (in foto) lascia Equita sim, dove ricopriva il ruolo di managing director con responsabilità delle attività di investment banking. In precedenza è stato in J.P. Morgan Pb in qualità di Head of relationship management per gli ultra high net individuals e gli investitori istituzionali e prima ancora in Deutsche Bank, inizialmente a Londra come head of equity capital markets Southern Europe e successivamente in Italia come head of the Italian energy and infrastructure sector.

Andrea Levantini ha iniziato la sua carriera in General Electric Capital come finance director per poi entrare in Morgan Stanley Ib a Londra, nella divisione M&A lavorando su operazioni di corporate finance tra cui le privatizzazioni italiane. Ha conseguito una laurea in Economia presso l'Università La Sapienza di Roma e un master in Business administration presso la Columbia Business School di New York (First Class Honours).

leggi anche | Kairos, un fondo azionario sulla tecnologia per reagire alla volatilità

“Abbiamo scelto un professionista con una consolidata esperienza non solo nella gestione dei grandi patrimoni della clientela di alto profilo, ma anche nelle operazioni di finanza straordinaria", spiega Fabrizio Rindi, ceo del gruppo Kairos, "perché vogliamo sempre di più garantire ai nostri clienti, che sono spesso imprenditori, un livello di servizio eccellente in termini di qualità ed efficienza che non può prescindere da una consulenza a tutto tondo".

"I cosiddetti clienti high-networth", comment Levantini, "hanno sempre più bisogno di una consulenza ad ampio spettro per la valorizzazione del proprio patrimonio, che spesso richiede, a maggior ragione in un periodo come questo, competenze di investment banking ed in particolare di finanza straordinaria in cui mi sono costruito una solida esperienza.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo