Quantcast

associazionismo

Cinque nuovi soci di peso per l'Associazione Italiana Private Banking

L'AIPB si allarga a nuovi istituti. L'associazione di categoria da oggi conta tra le sue fila anche Banca Widiba, Iccrea Banca, Oddo Bhf Asset Management, Pramerica SGR e PwC Italia

Antonella Massari, segretario generale di AIPB

Antonella Massari, segretario generale di AIPB

Sale il numero di soci dell’Associazione Italiana Private Banking. L'AIPB che, dal 2004, riunisce i principali operatori nazionali e internazionali del Private Banking, può contare da oggi anche sulla partecipazione di Banca Widiba, Iccrea Banca, Oddo Bhf Asset Management, Pramerica SGR e PwC Italia.

“Siamo molto lieti” sottolinea Antonella Massari, segretario generale di AIPB, “per questi nuovi, prestigiosi ingressi nella nostra compagine associativa, a ulteriore testimonianza dell’interesse e dell’utilità percepita dell’attività di AIPB presso gli operatori del settore”. 

“Per parte nostra” prosegue Massari “ci siamo da sempre impegnati perché l’Associazione potesse rappresentare l’intera filiera del settore, quindi distributori, produttori, studi legali e professionali, società di servizi, nonché università, centri di ricerca e altre associazioni di categoria, dando vita a un vero e proprio network interdisciplinare in grado di mettere le proprie competenze distintive e complementari al servizio dello sviluppo e dell’allargamento della cultura del Private Banking”.

“Siamo molto orgogliosi di far parte di AIPB”, afferma Luigi Provenza chief commercial officer investment & wealth management di Widiba. “Abbiamo lanciato il servizio sul mercato nel 2019 associando il Private Banking al benessere. PRIME è un servizio personalizzato, pensato proprio per il benessere delle persone attraverso uno sguardo molto ampio alla vista dei nostri clienti. La clientela Private rappresenta un segmento importante per Widiba: si tratta di clienti che richiedono un’attenzione particolare in termini di offerta. Inoltre questo passo ufficializza un’attività che era già svolta dalla nostra banca. Gestivamo infatti già questo tipo di clientela, ma senza un servizio dedicato. L’ingresso nell’associazione – conclude Provenza - è un tassello importante per noi. Saremo in un network di professionisti e saremo insieme ai principali player di questo mercato; saremo dunque in un sistema all’interno del quale potremo condividere e generare valore per il mercato e per le persone”.  

“Siamo orgogliosi, come Iccrea Banca e come Gruppo Bancario Cooperativo Iccrea, di aderire ad AIPB, associazione che da oltre 15 anni promuove la cultura verso la tutela e l’incremento dei patrimoni familiari”, dice Gianluca Talato, responsabile private banking e wealth management di Iccrea. “Oggi", continua Talato, "le attività di asset management per la clientela Private sono un’importante sfida per l’intero Gruppo. La soglia degli attuali 20 miliardi di euro che il Gruppo Iccrea gestisce insieme alle 136 BCC aderenti è un valore che rappresenta l’impegno di ogni banca verso la propria comunità locale e, insieme, un punto di partenza importante per il nostro progetto di crescita. L’obiettivo che ci siamo posti è di incrementare le nostre quote di mercato nella gestione del risparmio, valorizzando da un lato la profonda conoscenza del territorio che solo le BCC possono vantare e, dall’altro, la solidità e la competenza che il nostro gruppo bancario può mettere a disposizione di tutte le BCC”. 

“A nome di ODDO BHF Asset Management, primo Gruppo finanziario franco-tedesco indipendente, ringrazio l’Associazione Italiana Private Banking per averci accolto fra gli Associati, saremo lieti di condividere la nostra expertise e le nostre strategie con il mercato Italiano”, afferma l'head of sales Switzerland, Italy, Spain and Middle East, Bertrand Levavasseur.

“Essere parte dell’Associazione Italiana Private Banking rappresenta per Pramerica SGR un ulteriore importante punto di incontro e di confronto con tutti gli operatori che, come noi, offrono soluzioni di investimento a clienti privati di alto profilo”, aggiunge Andrea Ghidoni, amministratore delegato e direttore generale di Pramerica. “In generale, riteniamo che il valore associativo cresca in funzione di due driver principali che devono coesistere: la qualità e la quantità degli associati. Proprio per questo, per il valore e l’ampiezza delle iniziative di AIPB e della sua compagine associativa, siamo certi che far parte di questo network rappresenti un elemento premiante in primis per noi, ma anche per tutti i nostri clienti”.

“Con grande piacere continuiamo a collaborare con AIPB, dopo aver partecipato alla nascita dell’Associazione in qualità di soci fondatori”, afferma Fabiano Quadrelli, consulting leader di PwC Italia. “Lo facciamo con lo stesso entusiasmo ed energia che ci ha visto partecipi dall’inizio e siamo pronti a mettere in campo le migliori competenze e la nostra esperienza per i nuovi progetti. In PwC storicamente siamo stati tra i protagonisti nel mercato dell’Asset & Wealth Management e stiamo assistendo importanti operatori nello sviluppo del Private Banking e quindi abbiamo scelto di essere vicini ai nostri clienti e ai loro bisogni per lo sviluppo e la crescita del loro business”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo