Quantcast

scenari | franklin templeton

La Cina torna a ispirare fiducia insieme a Taiwan e Corea del Sud

"I massicci accumuli di liquidità gelosamente custoditi oggi da certe società asiatiche potrebbero tuttavia costituire un ammortizzatore vitale a fronte del clima cupo dell’economia". L'analisi di Andrew Ness

Xi Jinping , presidente della Repubblica Popolare Cinese

Xi Jinping , presidente della Repubblica Popolare Cinese

"La Cina ha iniziato ad alleggerire le restrizioni imposte dal lockdown e la sua economia si sta lentamente riavviando. Molti investitori ritengono che a causa del coronavirus potremmo essere in procinto di entrare in una grave depressione globale, ma non condividiamo quest’opinione". L'analisi di Andrew Ness, portfolio manager emerging markets equity di Franklin Templeton

È stato utile avere una presenza sul campo in tutta la Cina continentale e a Hong Kong, perché ci consente di sentire come sia stato affrontato il ritorno alla normalità dai nostri colleghi che si trovano nel paese e nella regione, e soprattutto da quelli che per gran parte del primo trimestre avevano dovuto adeguarsi a un lockdown imposto dal governo.

Mentre dopo l’alleggerimento dei lockdown, negli ultimi giorni si è visto qualche focolaio nei quali il virus è riemerso, la situazione generale in tutta la Cina ci ispira fiducia: stiamo assistendo alla riapertura di fabbriche, i lavoratori migranti tornano al lavoro dopo una pausa iniziata con le celebrazioni del Capodanno cinese, e l’attività industriale sta tornando a un utilizzo di almeno il 90% della capacità. Mentre altre economie emergenti escono dal lockdown. osserveremo attentamente eventuali differenze nel comportamento dei consumatori rispetto a prima del coronavirus.

È ancora troppo presto per descrivere quali saranno gli aspetti di una ripresa dell’economia su ampia scala, ma siamo convinti che la Cina e le economie di altri paesi confinanti dovranno contare maggiormente sulle riprese interne, considerando i problemi da affrontare nel breve termine con le interruzioni delle rotte commerciali globali.

Società asiatiche con una forte liquidità potrebbero dimostrare di essere in grado di sopravvivere. Storicamente, molte società in Cina, Taiwan e Corea del Sud con ampie riserve di liquidità hanno attirato un’attenzione negativa a causa dell’impatto che queste riserve liquide potrebbero esercitare sulla redditività nel lungo termine. Alcune riserve di liquidità possono essere benefiche, ma un eccesso di liquidità accumulato piuttosto che investito può significare che questa non viene impiegata ai fini di una crescita dell’attività.

I massicci accumuli di liquidità gelosamente custoditi oggi da certe società potrebbero tuttavia costituire un ammortizzatore vitale a fronte del clima cupo dell’economia. A confronto, società senza questo genere di riserve in Asia, negli Stati Uniti o nel Regno Unito, potrebbero soffrirne.

Secondo noi questo ci aiuta a identificare chi sarà in grado di sopravvivere a questa crisi—e i possibili vincitori da un punto di vista degli investimenti. Come si può vedere nella tabella di seguito, il numero delle società con bilanci orientati alla liquidità in Asia è maggiore rispetto agli Stati Uniti, il Regno Unito o la Germania.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo