Quantcast

risultati commerciali

Azimut, a maggio la raccolta va

Nel quinto mese dell'anno quota la raccolta netta della società presieduta da Pietro Giuliani raggiunte quota 261 milioni di euro, per un totale di quasi 1,5 miliardi da inizio anno

Pietro Giuliani, presidente di Azimut Holding

La raccolta netta di Azimut è positiva per 261 milioni di euro nel mese di maggio, per un totale di quasi 1,5 miliardi da inizio anno. Il totale delle masse comprensive del risparmio amministrato si attesta a fine maggio a 54,5 miliardi, di cui 42,1 fanno riferimento alle masse gestite.

“Il dato positivo di maggio", commenta il presidente Pietro Giuliani, "conseguito in un contesto macro ancora difficile, conferma la capacità di tenuta del gruppo e dimostra che gli interventi effettuati durante le fasi più critiche della crisi hanno permesso ai nostri professionisti di continuare a prestare consulenza e ad accompagnare i clienti verso un riposizionamento dell’asset allocation a favore di soluzioni di risparmio gestito".

"La struttura di Azimut", aggiunge Giuliani, "come asset manager puro, ha permesso di pagare un dividendo nel corrente anno di 1 euro per azione (equivalente ad oltre il 7% di yield alla data di stacco cedola), che alla luce delle ultime probabili indicazioni della Banca centrale sarà impedito ai nostri concorrenti banche/reti fino al 2021". "Ad oggi", prosegue, "siamo l'unico titolo finanziario del Ftse Mib ad aver remunerato gli azionisti.La performance media ponderata netta al cliente è ormai tornata alla quasi parità da inizio anno, anche grazie ad un forte miglioramento nei giorni successivi alla chiusura di maggio" e conclude: "Rimaniamo convinti della forza del nostro modello di business e guardiamo con fiducia ai prossimi risultati così come alla crescita sostenibile nel lungo periodo.”

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo