banche & economia reale

B. Generali e Credimi: per le Pmi una cartolarizzazione da 40 milioni

Le risorse raccolte serviranno a investire nelle aziende piemontesi e della Valle D'Aosta. L’iniziativa ha come anchor Investor Fondazione CRT, attraverso Fondazione Sviluppo e Crescita, e Finpiemonte

Credem raggiunge i 2,5 miliardi di euro erogati alle Pmi

Credimi avvia insieme a Banca Generali una nuova cartolarizzazione da 40 milioni di euro. La raccolta fondi servirà a sostenere i capitali delle Pmi piemontesi e della Valle D'Aosta. I finanziamenti concessi avranno un importo compreso tra 30.000 e 750.000 euro in funzione del fatturato dell’impresa da finanziare e mirano a raggiungere oltre 400 piccole e medie imprese. Sul fronte dell'investimento invece, l'operazione chiamata Italianonsiferma ha la durata di 6 anni e offrirà un rendimento ai clienti professionali di Banca Generali pari all’euribor (con floor a -0,10) a 3 mesi +3%. 

L’iniziativa ha come anchor Investor Fondazione CRT, attraverso Fondazione Sviluppo e Crescita, e Finpiemonte che, sottoscrivendo la tranche junior pari al 10% dell’emissione, permettono di raccogliere complessivamente 40 milioni, assicurando un livello di protezione addizionale ai capitali dei risparmiatori professionali coinvolti dalla banca. Alla garanzia del 90% dal Fondo di Garanzia pubblico si aggiunge, infatti, l’ulteriore 10% di copertura dalle due istituzioni del territorio: Fondazione CRT e Finpiemonte.

L’intervento di Fondazione CRT e Finpiemonte, inoltre, consente il contenimento degli interessi applicati ai prestiti e genera un effetto moltiplicatore nell’erogazione dei finanziamenti in un rapporto di 1 a 10 (per ogni euro stanziato dalle due istituzioni piemontesi vengono raccolti ulteriori 9 euro da risparmiatori qualificati che possono contare sulla piena garanzia del capitale).

Lo sforzo congiunto di Banca Generali, Credimi, Fondazione CRT e Finpiemonte ha permesso di realizzare, per la prima volta in Italia, una operazione che fa affluire risparmio delle famiglie a sostegno delle Pmi di uno specifico territorio.

Questa operazione porterà in poche settimane, 40 milioni di euro di prestiti a quelle realtà che faticano ad accedere ai canali di finanziamento tradizionali. La restituzione dei prestiti partirà dalla ine del 2021 per i successivi 4 anni. Le imprese che potranno accedere a questi fondi devono avere meno di 500 dipendenti, un fatturato sopra i 100.000 euro, essere società di capitali (spa, srl) con almeno un bilancio depositato, o società di persone (sas e snc) con almeno una dichiarazione fiscale.

La procedura è completamente digitale. la richiesta si fa online sul sito Credimi.com, in 2 minuti, da qualsiasi device, con documenti firmati digitalmente; la risposta arriva in soli 3 giorni per quelle imprese che hanno superato le verifiche e l’analisi del merito creditizio, con richieste fino a un limite massimo pari al 25% del proprio fatturato.

“Dopo l’emergenza sanitaria gli effetti della crisi rischiano di mettere in ginocchio il tessuto delle imprese e per questo abbiamo avviato un ambizioso progetto per avvicinare il risparmio privato all’economia reale", dice l'ad e dg di Banca Generali, Gian Maria Mossa (in foto). "Questa nuova emissione curata con Credimi vede al nostro fianco il prezioso contributo di Finpiemonte e Fondazione CRT che hanno scelto di sostenere il territorio attraverso la sottoscrizione della tranche junior dell’operazione che, aggiungendosi alle garanzie pubbliche, completa la tutela per gli investitori privati che vogliono cercare nuove forme di decorrelazione dai rischi di mercato aiutando concretamente la ripresa del sistema”.

Gli fa eco il segretario generale di Fondazione CRT e di Fondazione Sviluppo e Crescita, Massimo Lapucci. “È una formula innovativa, realizzata insieme a partner di alto profilo, che coniuga le finalità di supporto e di sviluppo del territorio, proprie della nostra Fondazione, con la sostenibilità finanziaria dell'intervento, nella logica dell'impact investing".

"Con questa ambiziosa operazione, in un momento di forte difficoltà per il tessuto produttivo e per l’economia reale", aggiunge Lapucci, "acceleriamo con convinzione il processo intrapreso di ibridazione tra profit e non profit, creando un bridge tra il risparmio privato a sostegno delle imprese e gli investitori istituzionali come Sviluppo e Crescita CRT, che assume su di sé parte del rischio per creare valore economico e sociale".

Per Roberto Molina, presidente di Finpiemonte, "questa operazione consente di attivare un canale innovativo e alternativo e di offrire alle imprese risorse ulteriori rispetto a quelle già messe a disposizione dalla Regione Piemonte e dal sistema bancario, con l’obiettivo di sostenerle in questa fase di grande difficoltà. Attraverso il meccanismo moltiplicatore le risorse della finanziaria regionale consentono di attivare capitali privati, in un meccanismo virtuoso in favore dello sviluppo della nostra regione".

LÈ d'accordo l'assessore alle attività produttive della Regione Piemonte, Andrea Tronzano, ‘La Regione Piemonte sta mettendo in campo risorse ingenti per sostenere la ripresa. Questa ’operazione è un esempio efficace di come le risorse pubbliche possano essere usate come leva per mobilitare quelle private, potenziando così i benefici per le imprese. L’intervento di FinPiemonte consente di ontenere il costo dei finanziamenti e le imprese potranno anche ottenere un’ulteriore riduzione degli oneri attraverso il bando regionale che prevede un finanziamento in conto interessi fino a 7.500 euro".

“Grazie all’operazione Italianonsiferma abbiamo messo a disposizione 100 milioni di euro alle piccole e medie imprese italiane in soli 3 mesi", commenta il founder e ceo di Credimi, Ignazio Rocco. "Poter proseguire questo progetto a fianco oltre che al Gruppo Generali, anche a istituzioni come Finpiemonte e Fondazione CRT, dimostra come gli attori finanziari e istituzionali possono lavorare insieme per migliorare questo paese. Questo accordo potrà liberare nuova liquidità nel modo più efficace e veloce possibile per quella fascia di aziende più piccole e più colpite dalla crisi, permettendo loro di avere nei tempi corretti le risorse per risollevarsi o ripensare completamente al proprio modello di business, perché dopo il Covid-19, nulla sarà più come prima.”

Banca Generali e Credimi hanno una collaborazione iniziata nel 2019 per mettere disposizione di tutte le Pmi prodotti di finanziamento a medio e lungo termine (in alternativa ai tradizionali canali bancari) con il sostegno delle tutele prestate dal Fondo di Garanzia di Mediocredito Centrale.

Ad aprile 2020 è stata annunciata una prima cartolarizzazione “Italianonsiferma” fino a un massimo di 100 mln sottoscritta al 10% come anchor investor da Generali Assicurazioni –tramite il fondo internazionale Anti-covid- che ha fatto da apripista alle iniziative a favore dei finanziamenti alle imprese.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo