scenari | IG Italia

Dal mercato del lavoro Usa sorprese positive e poche note dolenti

"L’Us Bureau of Labor Statistics ha comunicato che, nel mese di giugno, nei settori non agricoli, si è registrato un aumento di 4,8 milioni posti di lavoro". Il commento di  Filippo Diodovich

Ibl Banca a caccia di nuovi agenti territoriali

"L’Us Bureau of Labor Statistics ha comunicato che, nel mese di giugno, nei settori non agricoli, si è registrato un aumento di 4,8 milioni posti di lavoro, dato ben migliore rispetto alle attese del consensus (+3 milioni). Il tasso di disoccupazione è sceso dal 13,3% al 11,1% (consensus 12,3%)". Il commento di Filippo Diodovich, senior strategist di IG Italia.

I nuovi posti di lavoro creati sono soprattutto nei settori alberghieri e della ristorazione, più colpiti nei mesi precedenti. Riviste complessivamente al rialzo le cifre dei mesi scorsi (+90 mila posti di lavoro in totale rispetto alle stime precedenti).

Il dato di maggio è stato rivisto al di rialzo di 190 mila unità a +2,7 mln (da +2,5 mln), quello di aprile al ribasso di 100 mila unità a -20,8 milioni (da -20,7 milioni).

A livello di gruppi, la disoccupazione giovanile scende notevolmente dal 29,9% al 23,2%. La disoccupazione delle donne è pari all’11,2%, bianchi (10,1%), afroamericani (15,4%), asiatici (13,8%), ispanici (14,5%). Il tasso di partecipazione alla forza lavoro è aumentato dal 60,8% al 61,5% (ancora lontano dai livelli di febbraio quando si attestata al 63,4%).

I salari medi scendono dell’1,2% m/m (consensus -0,8%). I salari sono saliti del 5% a/a (consensus 5,3%). Il numero di disoccupati che hanno dichiarato di essere in sospensione temporanea dalle attività lavorative (“temporary layoff”) è diminuito di 4,8 mln a 10,6 milioni di unità. I disoccupati che hanno perso del tutto il posto del lavoro sono aumentati di 588 mila a 2,9 milioni. 

Altri dati macroeconomici. Le richieste settimanali di sussidi di disoccupazione sono state alte, a 1,43 milioni, rispetto attese pari a 1,35 milioni. Il deficit della bilancia commerciale degli Stati Uniti si è ampliato a 54,4 mld di dollari, male le esportazioni che hanno mostrato un calo del 4,4% su base mensile. 

Impatto sul mercato. E’ il secondo mese consecutivo che i dati sul mondo del lavoro sorprendono positivamente rispetto alle attese della vigilia. Le cifre sono ben superiori alle aspettative. Solamente due note dolenti: l’aumento delle persone che hanno perso del tutto il loro posto di lavoro (quasi 3 milioni di cittadini statunitensi) e il forte ribasso dei salari medi, legato probabilmente al ritorno al lavoro di impiegati a basso stipendio.

I tre punti di forza sono stati invece il forte calo del tasso di disoccupazione, l’aumento dei posti di lavoro ben migliore delle aspettative e la crescita del tasso di partecipazione alla forza lavoro.

L‘impatto sul mercato azionario è stato significativo. Il future sull’S&P500 è salito di 20 punti da 3135 a 3155 punti, quello sul Dow Jones Industrial Average ha mostrato un incremento di oltre 200 punti da 25940 a 26150. Il future sul Nasdaq grazie ai positivi dati sui NFP ha segnato nuovi record assoluti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo