private debt

Anthilia sottoscrive la seconda tranche da 4 milioni del bond di Brazzale

I due fondi Anthilia BIT III e Anthilia BIT IV Co-Investment Fund hanno sottoscritto la seconda tranche del prestito obbligazionario emesso dal gruppo Brazzale. Servirà alla costruzione di un magazzino automatizzato

Roberto Brazzale,  presidente del gruppo Brazzale

Roberto Brazzale, presidente del gruppo Brazzale

I fondi di private debt, Anthilia BIT III e Anthilia BIT IV Co-Investment Fund hanno sottoscritto la seconda tranche da 4 milioni di euro del prestito obbligazionario emesso dal gruppo Brazzale, storica realtà attiva nel settore della produzione di burro e formaggi. Le due strategie sono rappresentano l’esperienza iniziata nel 2013 con Anthilia Bond Impresa Territorio (Anthilia BIT) e nel 2016 con Anthilia BIT Parallel Fund.

L’emissione della seconda tranche fa seguito alla prima tranche, anche questa da 4 milioni di euro, perfezionata lo scorso maggio. In dettaglio, il prestito obbligazionario ha raggiunto una dimensione complessiva di 8 milioni, ha scadenza 31 marzo 2027, un rendimento del 5,6% e un rimborso amortizing con 18 mesi di preammortamento. 

L’emissione del bond consentirà al gruppo di intervenire a supporto del finanziamento dei progetti di crescita previsti dal piano industriale 2019-2026: in particolare la realizzazione di un grande magazzino automatizzato per la stagionatura del Gran Moravia, rinomato formaggio grana, apprezzato anche oltre confine e prodotto di punta della gamma dei formaggi Brazzale. 

Il gruppo Brazzale, fondato dalla famiglia vicentina attiva nella produzione di burro e formaggio da otto generazioni, rappresenta la più antica realtà imprenditoriale del settore caseario in Italia. Con sei marchi all’attivo come “Gran Moravia”, “Burro delle Alpi” e “Alpilatte”, sei impianti produttivi tra Italia, Repubblica Ceca e Brasile e un organico di oltre 700 dipendenti, l’azienda esporta il 36% del suo fatturato in più di 54 paesi diversi a livello europeo e internazionale. Nel 2019 il Gruppo ha registrato un fatturato pari a circa 222 milioni di euro (+5,8% a/a), con un Ebitda margin del 7,6%.  

“Salutiamo con soddisfazione il compimento della seconda fase dell'operazione di collaborazione con il gruppo Anthilia", dice Roberto Brazzale, presidente del gruppo Brazzale, "che accompagna il rapido progresso della costruzione del nuovo magazzino di stagionatura robotizzato ed autosufficiente energeticamente, situato in una delle più belle posizioni climatiche della pedemontana veneta, a 300 mt. slm, baciato dalla brezza della valle dell'Astico. La forte ripresa della domanda internazionale dopo le battute d'arresto dovute al COVID-19 conferma l'importanza dell'investimento nell'ambito della strategia di sviluppo condivisa dal partner Anthilia, con il quale siamo davvero felici di lavorare”.

leggi anche | Anthilia Cp e Finint I. Sgr: a Clabo spa un prestito garantito da 6 milioni

“Siamo lieti di essere nuovamente al fianco del gruppo Brazzale", commenta Giovanni Landi, ad di Anthilia Capital Partners, "e di poter proseguire il percorso di collaborazione iniziato lo scorso maggio. Nonostante le circostanze emergenziali che stiamo vivendo, e che per fortuna ci stiamo gradualmente lasciando alle spalle, crediamo sia fondamentale, oggi più che mai, restare fedeli alla nostra missione di supporto al tessuto imprenditoriale italiano accompagnando aziende di eccellenza verso un percorso di ulteriore sviluppo e crescita”.  

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo