Quantcast
InvestireTV
SCARICA DA
InvestireTV InvestireTV

asset management

Credit Suisse e Copernicus Am:
un fondo sull'azionario italiano

La strategia, è il risultato della fusione di due precedenti fondi. L’intero prodotto è idoneo anche al piano d’investimento italiano PIR1, rivolto alle Pmi quotate

Investimenti esteri, disimpegno in Italia per 6,3 miliardi

Credit Suisse e Copernicus Am lanciano di Credit Suisse (Lux) Copernicus Italy Equity Fund, nato dalla fusione di due precedenti fondi. Il nuovo fondo offre ancora maggiori opportunità di diversificazione e amplia l’opportunità di investimento sul mercato azionario italiano ed è PIR compliant.

Credit Suisse Italia ha gestito con successo un fondo azionario di large cap italiane, acquisendo notevole esperienza e abilità nel riconoscere le opportunità di momentum offerte dal mercato. Copernicus Asset Management SA si è rivelata altrettanto brillante nella gestione di un fondo specializzato sulle small e mid cap italiane (PMI), che spesso operano in mercati di nicchia in rapida crescita e hanno un potenziale di rendimento superiore alla media. Adesso questi due fondi sono stati fusi.

Essi coprono insieme l’intero mercato azionario italiano. Inoltre, si integrano a vicenda, offrendo agli investitori la possibilità di investire in uno spettro più ampio di società italiane offrendo una ulteriore possibilità di diversificazione. L’intero fondo è altresì idoneo al piano d’investimento italiano PIR1, che è rivolto alle Pmi quotate e ricompensa gli investitori con un’esenzione fiscale a condizione che gli investimenti in Pmi vengano mantenuti per almeno cinque anni. 

Il team di gestione del nuovo fondo è composto dai gestori precedenti, che continuano a occuparsi del segmento in cui sono specializzati. Insieme decidono in merito all’asset allocation complessiva.

“Con l’integrazione dei due fondi gli investitori hanno l’opportunità di investire in Italia in un modo nuovo, che include sia la qualità globale delle sue blue chip, sia il dinamismo delle Pmi”, dice Alberto Mari, gestore del segmento large cap del portafoglio. Marco Boldrin, che gestisce il segmento Pmi, aggiunge: “Le Pmi italiane sono ancora un segmento interessante, un gestore attivo di comprovata esperienza può apportare valore in questo segmento”. 

Il fondo costituisce realmente una sintesi degli approcci più promettenti all’investimento nell’azionariato italiano. Non esitate a contattarci per maggiori informazioni o in caso di domande.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo