risparmio gestito

Ok di Banca d'Italia a Anima Alternative sgr

Il primo passo della società fondata lo scorso febbraio dal gruppo francese Anima, sarà il lancio di un fondo di direct lending entro il 2020

Alessandro Melzi d’Eril, nuovo amministratore delegato di Anima holding

Alessandro Melzi d’Eril, amministratore delegato di Anima holding

Anima Alternative Sgr potrà operare sul mercato italiano. Oggi la società di gestione del risparmio del gruppo omonimo francese, costitutita lo scorso febbraio, ha ricevuto il nulla osta da Banca d’Italia. I programmi di sviluppo di Anima Alternative, focalizzati sugli investimenti in private market, prevedono come primo passo il lancio di un fondo di direct lending entro il 2020

“La creazione di Anima Alternative è un passo importante in un percorso di diversificazione del business e di rafforzamento delle capacità del gruppo Anima nell’offrire soluzioni dedicate per investitori istituzionali”, dichiara Alessandro Melzi d’Eril, ad della holding e presidente del nuovo ramo, “i private market sono un’opportunità interessante per rispondere alla crescente ricerca della nostra clientela di fonti di rendimento alternative a quelle tradizionali e riteniamo che ci sia spazio in Italia in questo segmento per un operatore come Anima”.

“Con l’autorizzazione di Banca d’Italia siamo ora pienamente operativi e possiamo proseguire nel nostro percorso di start up, che prevede già entro la fine dell’anno il lancio di un primo prodotto, un fondo chiuso di direct lending di diritto italiano”, aggiunge Philippe Minard, ad di Anima Alternative. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo