scenari | Nn Ip

Mercati emergenti in valuta forte attraenti nonostante il rally

"L'iniziativa del G20 di sospendere i pagamenti dei debiti fino alla fine del 2020 per gli Stati più poveri favorirà Paesi come l'Angola, il Camerun e il Mozambico in quanto emittenti di Eurobond". L'analisi di Leo Hu

Arrighi (Merian): "Investiamo in debito emergente ma solo in valuta forte"

Gli spread creditizi dei mercati emergenti (EM) si sono notevolmente ridotti da quando, a marzo e aprile 2020, hanno raggiunto il livello più ampio mai registrato negli ultimi dieci anni". L'analisi di Leo Hu, co-lead portfolio manager EMD HC di Nn Ip.

La rapida inversione di tendenza è stata trainata dalla percezione che i fondamentali avessero raggiunto i minimi, dalle azioni di sostegno della Fed e dalle valutazioni estremamente interessanti. Anche dopo il forte rally ritieniamo che i mercati emergenti in valuta forte rappresentino un'interessante opportunità di investimento agli attuali livelli di spread. 

I paesi in via di sviluppo possono trarre vantaggio dai programmi di prestito di sostegno e dai tassi prossimi allo zero nei mercati sviluppati, e i modelli storici di rendimento mostrano che il periodo di contrazione potrebbe essere tutt'altro che finito.

 La crisi di Covid-19 ha fatto sì che gli spread creditizi dei mercati emergenti si siano ampliati al massimo dai tempi della crisi finanziaria globale. Come già dichiarato da Nn Ip, questo allargamento degli spread ha rappresentato un'opportunità significativa per gli investitori nel debito dei mercati emergenti.

Nonostante l'emissione da record, gli spread si sono stretti in modo significativo e non sono più a livelli estremi, ma rimangono vicini a livelli visti durante crisi minori, come la crisi del debito greco del 2011. In questo contesto, Nn Ip ritiene che ci sia ancora del valore da estrarre da questa asset class.

I dati storici dimostrano che gli spread probabilmente si restringeranno ulteriormente. "Durante la crisi finanziaria globale, nell'anno iniziato otto settimane dopo il picco degli spread, il credito sovrano EM ha reso quasi il 30%. Tendenze simili possono essere osservate a seguito di vendite meno gravi, come la crisi del debito greco.

Pertanto, il rischio/rendimento punta a rimanere invariato nei mercati del credito EM, in quanto sono molto difficili da gestire e la liquidità può essere incostante. Il credito dei mercati emergenti continuerà inoltre a generare un significativo carry in un mondo in cui i tassi di mercato sviluppati rimangono vicini allo zero per un periodo prolungato. 

La ripresa economica nei mercati emergenti è tutt'altro che finita. Gli esportatori di petrolio stanno ancora affrontando gli effetti negativi della riduzione dei prezzi e dei volumi, con i futures del greggio Brent in calo del 30,9% da inizio anno, mentre i viaggi verso le destinazioni turistiche più popolari difficilmente aumenteranno in modo significativo prima del 2021.

Anche i mercati emergenti sono esposti ai potenziali rischi di coda, come un peggioramento dei casi di virus. Molte persone nelle economie più povere devono esporsi al virus per sopravvivere, il che ne facilita la diffusione, e ulteriori lockdown potrebbero essere socialmente ed economicamente devastanti.

Ciononostante, la traiettoria generale sta gradualmente diventando positiva. I paesi stanno registrando progressi incrementali nel trattamento, nella capacità di test, nelle catene di fornitura di attrezzature sanitarie, nel distanziamento sociale e nell'uso di mascherine. Queste piccole conquiste stanno aiutando i mercati a consolidarsi.

I Paesi emergenti beneficiano anche del sostegno del FMI e di altre agenzie multilaterali, che dovrebbero aiutarli a superare la crisi. Il FMI sta dispiegando una notevole potenza di fuoco finanziaria per aiutare i Paesi ad affrontare l'emergenza, mentre l'iniziativa del G20 per la sospensione del servizio del debito sospende i pagamenti fino alla fine del 2020 per gli Stati membri più poveri dell'Associazione internazionale per lo sviluppo.

Questa sospensione significa che quei paesi non hanno bisogno di tornare sui mercati degli Eurobond e possono gestire meglio il debito esistente. Nn Ip ha identificato l'Angola, il Camerun e il Mozambico come emittenti di Eurobond che possono beneficiare di questa iniziativa.

Anche la Cina, il più grande prestatore bilaterale dei mercati emergenti, sta mostrando segnali incoraggianti di maggiore trasparenza e fornisce supporto. In primo luogo, ha seguito l'iniziativa per la sospensione del debito del G20 per dare sollievo ai paesi più poveri, e successivamente il presidente Xi Jinping ha promesso di cancellare i prestiti governativi senza interessi e di rivedere alcuni obblighi commerciali dei paesi africani.

L'Angola rappresenta un primo banco di prova per questa iniziativa. "L'economia dell'Angola è sotto stress a causa della Covid-19 e del crollo del prezzo del petrolio, e circa il 50% del suo debito estero totale è dovuto alla Cina. Secondo la stampa locale, la Cina ha concordato una moratoria del debito di 3 anni, che aiuta ad alleviare la pressione e a liberare liquidità.

Forse il maggiore fattore di sostegno per i mercati emergenti è stata la Federal Reserve, che ha rapidamente spostato i tassi a zero e ha avviato un programma di acquisto aggressivo. Ciò ha contribuito a stabilizzare i mercati del credito globale e ha aiutato i mercati primari del credito Usa a riaprire, il che a sua volta ha aiutato i mercati primari dei mercati emergenti ad aprirsi e ha dato alle emissioni emergenti sovrane una fonte di finanziamento assolutamente necessaria.

Con i tassi a breve termine degli Stati Uniti impostati sullo zero, alcune banche centrali di paesi emergenti possono abbassare aggressivamente i propri tassi locali per contribuire a rilanciare le loro economie. Il fatto che la Fed abbia fissato il modello degli acquisti obbligazionari su larga scala ha anche reso più accettabile per i paesi EM l'uso della monetizzazione per finanziarsi attraverso la crisi e proteggere le loro economie nazionali. 

Nn Ip ha identificato i principali rischi di coda per le economie Em in una ripresa significativa del virus, nelle tensioni tra Stati Uniti e Cina e nel rischio politico degli Stati Uniti. Tuttavia, la solidità tecnica e le valutazioni interessanti mantengono il gestore positivo sul debito emergente in valuta forte nel breve termine. Inoltre, i modelli di rendimento storici mostrano che il debito emergente in valuta forte può continuare a sorprendere positivamente diversi mesi dopo una crisi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo