Enasarco, duri i toni prelettorali
Usarci attacca, ma Fiarc cala l'asso

Sul sito dell’Usarci – parte della maggioranza uscente al vertice della Cassa - nione è stato pubblicato un articolo che la Fiarc, associazione aderente invece alla lista sfidante, definisce in una nota “diffamatorio nei confronti delle persone citate e, per tale motivo, sarà oggetto di apposita denuncia presso la Procura della Repubblica”. E chiede di rivelare i molti addebiti mossi dal Ministero alla gestione uscente.

Fare Presto!, "Sul Firr l'illusione dei proclami: in Cda invece nulla per gli agenti"

Da sinistra: Fabio D’Onofrio (Fiarc), Alfonsino Mei (Anasf), Luca Gaburro (Federagenti) e il giornalista, Oscar Giannino

“È in questi giorni di calura ferragostana (il caldo spesso gioca brutti scherzi) che è girato su vari social un vergognoso articolo sul sito agenti Usarci a firma di tre liste, vicine all'attuale maggioranza del C.d.A. della Fondazione Enasarco, che vorrebbero accreditarsi come portavoce della categoria”: inizia così un duro comunicato della Fiarc, la federazione degli agenti di commercio che aderisce a Confesercenti, che replica appunto agli attacchi dell’associazione sindacale avversaria nelle elezioni previste per il 24 settembre.
“L'articolo – prosegue la nota - si caratterizza per il contenuto altamente diffamatorio nei confronti delle persone citate e, per tale motivo, sarà oggetto di apposita denuncia presso la Procura della Repubblica.  E’ un evidente segno del basso livello di comunicazione da parte di chi ha appoggiato per anni l'azione dell'attuale maggioranza del CdA, approvando tutte le delibere più nefaste e che oggi, non potendo più rappresentare con credibilità la categoria e per coprire il proprio palese fallimento, non ha altri mezzi che calunniare i propri avversari. A volte sarebbe quanto mai necessario l'esercizio del silenzio da parte di chi, per anni, ha sostenuto una politica che non ha protetto e tutelato gli interessi della nostra categoria”.
La Fiarc prosegue sottolineando la sua “storia fatta di lavoro e di impegno a favore della categoria, che ci onoriamo di rappresentare. Non abbiamo la presunzione di essere i soli, ma l’orgoglio di aver sempre informato i nostri colleghi e di aver sempre detto loro quali fossero le nostre posizioni, le nostre idee e le nostre proposte senza sotterfugi e, soprattutto, senza mai raccontare balle, come quelle veicolate in questi giorni da alcune organizzazioni sindacali promotrici delle liste che si presentano per il rinnovo degli organismi della Fondazione. Sono le stesse Organizzazioni sindacali che hanno sostenuto e decantato l'ennesima storiella sull’anticipo del Firr agli agenti”.
Su questo punto, un nervo scoperto per la categoria, a Fiarc fa chiarezza: “Ad oggi ancora nessun iscritto ha, infatti, visto un solo euro: e ciò solo per evidenziare come sia facilmente dimostrabile, per nostra fortuna, come chi oggi governa la Fondazione (speriamo ancora per poco) non abbia avuto a cuore gli agenti e i consulenti ma solamente la propria poltrona. Dal comodo dei loro ombrelloni dorati, nella tranquillità del caldo agostano, questi signori sono impegnati a spargere fango e bugie, invece di lavorare per gli iscritti, molti dei quali, stante la terribile situazione economica legata agli effetti del Covid-19, le vacanze certamente non hanno potuto permettersele. Consigliamo nuovamente a questi signori l'esercizio del silenzio in quanto la loro azione è imbarazzante ed offensiva dell'intera categoria”.
 La Fiarc ricorda che sulla questione FIRR “è stato votato solo un anticipo del 10 per cento del depositato; ciò significa, senza contare quando e se verrà corrisposto, che, nella stragrande maggioranza dei casi, potranno essere corrisposti solamente qualche centinaio di euro e, nei casi più fortunati, poco più di un migliaio di euro. Questo è stato l'aiuto votato in favore degli agenti per contrastare gli effetti della pandemia: il nulla! “.
E qui la Fiarc aggiunge un argomento elettoralmente molto pesante: “Speriamo che arrivi il momento – si legge nella nota - in cui l'attuale Presidenza della Fondazione ritenga doveroso informare tutti gli iscritti, siano essi agenti, consulenti finanziari, mediatori del credito o case mandanti, circa gli esiti dei rilievi fatti alla governance dell’Ente da una attenta e approfondita ispezione di alcuni mesi fa ad opera del MEF, anche alla luce del coinvolgimento della Procura della Corte dei Conti (…). Il vero motivo di tanta bassezza nelle comunicazioni che girano è non solo di coprire il fallimento della propria azione ma, soprattutto, distogliere l’attenzione dalle proposte utili e necessarie per salvare la Fondazione ed avviare quella ripartenza necessaria per tutelare le pensioni di oggi e di domani”. Infine un appello elettorale: “E' sulla base di queste proposte che la nostra lista unitaria "Fare Presto", di cui Fiarc fa orgogliosamente parte, chiede il Vostro sostegno e, dal 24 settembre al 7 ottobre, il Vostro voto online. A chiusura di questo comunicato, come Fiarc vogliamo esprimere la nostra vicinanza a coloro che sono stati offesi nell'articolo citato e di cui siamo orgogliosi di avere come alleati.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo