Fondi Ue

Mes, Bonaccini: Conte porti
la questione in Parlamento

Per il presidente della Regione Emilia-Romagna e presidente della Conferenza delle Regioni, a quel punto i parlamentari si dovrebbero assumere le proprie responsabilità davanti agli italiani

Bonaccini: «È la Costituzione a prescrivere la collaborazione»

Il presidente della Regione Emilia-Romagna e presidente della Conferenza delle Regioni Stefano Bonaccini.

"Il Movimento 5 stelle intende restare a guardare, preferendo aggiungere il proprio niet a quello strumentale delle destre? Il presidente Conte ha detto che potrebbe portare la questione in Parlamento: lo faccia e lì ognuno si assuma le sue responsabilità davanti agli italiani". Lo ha affermato, in un'intervista a La Stampa, il presidente della Regione Emilia-Romagna e presidente della Conferenza delle Regioni Stefano Bonaccini, a proposito del Mes. "Recovery Fund e Mes sono treni che passano una volta sola e che possono permettere all'Italia di fare quel salto di qualità di cui abbiamo assoluto bisogno se c'è un disegno importante di ripresa e ammodernamento. Sul primo ho fatto i complimenti al governo, ora come Regioni ci aspettiamo di essere coinvolte, perché vogliamo lavorare insieme come abbiamo fatto durante l'emergenza. In queste settimane ho letto e ascoltato dichiarazioni surreali. L'Europa ci mette a disposizione circa 36 miliardi di euro da investire nella sanità pubblica. E cioè nuovi ospedali, nuove case della salute, medicina domiciliare, assunzioni, apparecchiature all'avanguardia. Prendiamoli e dimostriamo di saperli spendere presto e bene" ha aggiunto Bonaccini.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo