Vigilanza

Ocf non perdona,
radiato un consulente finanziario

Tra le violazioni del Regolamento Intermediari addebitate, figura “l’acquisizione di una non trascurabile somma di denaro”, e “l’aver intermediato l’erogazione di un prestito fra clienti”

Carla Rabitti Bedogni, presidente dell'Ocf

Carla Rabitti Bedogni, presidente dell'Ocf

Daniele Vio, ex consulente finanziario di FinecoBank, è stato radiato dall’Albo unico dei consulenti finanziari dal Comitato di vigilanza dell’organismo di vigilanza e tenuta dell’albo unico dei consulenti finanziari, presieduto da Carla Rabitti Bedogni. Si legge tra l’altro nella delibera: “con riguardo alla gravità, va rilevata la sussistenza, tra le altre, di una violazione molto rilevante, consistente, nella fattispecie, nell’acquisizione di una non trascurabile somma di denaro, in assenza di attenuanti, da sanzionare autonomamente con il massimo edittale, in quanto idonea – anche a prescindere dalle ulteriori gravi condotte poste in essere – a compromettere radicalmente l’affidabilità del consulente nei confronti della clientela e dei potenziali investitori”; e inoltre, “per la violazione consistente nell’aver intermediato l’erogazione di un prestito fra clienti, non è prevista una specifica sanzione, con l’effetto che la sua determinazione è rimessa alla valutazione dell’Organismo, avuto riguardo alle peculiarità del caso concreto e tenuto conto tra l’altro della sua gravità che nel caso di specie non risulta trascurabile, avendo il consulente esercitato un indebito ruolo nell’instaurazione di un rapporto obbligatorio, per una somma non trascurabile, fra clienti assegnati alle sue cure, potenzialmente distogliendo il patrimonio dai prodotti collocati dall’intermediario mandante”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo