scenari | Nn Ip

Le elezioni Usa e il destino della globalizzazione

"Chiunque vinca, la misura in cui il presidente sarà in grado di attuare il suo programma dipenderà dal colore politico sia della Camera dei Rappresentanti che del Senato"

Le elezioni Usa e il destino della globalizzazione

"Il protezionismo e l'aumento delle tariffe commerciali sono stati una caratteristica chiave della presidenza di Donald Trump, e molti temono che altri quattro anni delle sue politiche economiche segnino la fine della globalizzazione. È difficile vedere la prospettiva di un secondo mandato di Trump come una buona notizia per la globalizzazione, ma l'importanza delle elezioni americane non dovrebbe essere sopravvalutata". Il commento degli analisti di Nn Ip

La globalizzazione è stata una delle forze principali nei due decenni precedenti la crisi finanziaria globale, un periodo durante il quale beni, servizi, tecnologia e capitali si muovevano sempre più liberamente oltre i confini. Dopo la crisi, tuttavia, la situazione è rimasta incerta.

Il suo futuro dipende probabilmente più da altri sviluppi che da chi diventerà il prossimo presidente degli Stati Uniti. Un forte rinnovamento della globalizzazione è improbabile senza alcune importanti iniziative di liberalizzazione, ma prima che la tendenza si sposti chiaramente verso la de-globalizzazione, il protezionismo dovrebbe spostarsi su scala globale e includere grandi regioni come l'Europa e l'Asia.

Secondo Marco Willner (in foto), head of investment strategy di Nn Ip "l'esito delle elezioni negli Stati Uniti sarà importante, ma non sarà probabilmente il fattore più decisivo per la de-globalizzazione. Le differenze tra Trump e il suo sfidante democratico Joe Biden sono più di stile, forma e tattica e meno di contenuto quando si tratta di globalizzazione". 

Entrambi i candidati hanno un'agenda strategica per proteggere le industrie statunitensi e mantenere la leadership globale nel campo della tecnologia, secondo Willner, poiché i giorni degli Stati Uniti come campione mondiale del libero scambio e dell'internazionalismo sono finiti. Entrambi i candidati rimarranno probabilmente ambigui nei confronti della Cina, anche se i loro approcci specifici potrebbero essere diversi.

Se Trump vincerà le prossime elezioni, gli Stati Uniti probabilmente continueranno sulla strada della deregolamentazione e della riduzione delle tasse per le imprese e le famiglie ad alto reddito. Inoltre, gli Stati Uniti potrebbero ridurre ulteriormente il loro sostegno all'ordine globale basato sulle regole che hanno contribuito a costruire. Un'ulteriore escalation del conflitto commerciale con la Cina è certamente una delle possibilità. Inoltre, la sua agenda "America First" potrebbe indebolire ulteriormente l'ordine internazionale basato sulle regole.

Al contrario, ci si può aspettare che una presidenza Biden dimostri maggiore rispetto per gli accordi internazionali e le organizzazioni multilaterali. Tuttavia, probabilmente manterrà la pressione sulla Cina affinché apra il suo mercato interno, ponga fine alle pratiche di dumping e riduca le interferenze statali nelle sue aziende tecnologiche.

Inoltre, una presidenza Biden si concentrerà probabilmente maggiormente sulla riduzione delle disuguaglianze cambiando le politiche interne. Ciò potrebbe includere l'aumento delle tasse sui ricchi e sulle aziende e l'introduzione di una regolamentazione che riduca il potere di mercato e aumenti il potere contrattuale dei lavoratori.

Per contro, è probabile che Biden avvii un programma di aumento della spesa per le infrastrutture e di rafforzamento della rete di sicurezza sociale, che sarà in parte finanziato con l'inversione dei tagli fiscali di Trump. In quanto tale, i deficit fiscali saranno probabilmente più elevati sotto Biden, ma a condizione che i fondi siano mirati a migliorare il lato dell'offerta, ciò dovrebbe indurre un tasso di crescita potenziale statunitense costantemente più elevato. Sulla scena internazionale, Biden dovrebbe migliorare nuovamente l'ordine basato sulle regole, soprattutto all'interno della cerchia dei tradizionali alleati statunitensi. 

La misura in cui il presidente sarà in grado di attuare il suo programma dipenderà in modo cruciale dal colore politico sia della Camera dei Rappresentanti che del Senato. Inoltre, anche se il partito del Presidente dovesse avere la maggioranza in entrambi, dovrebbe comunque dare priorità alle proposte politiche. Il motivo è che in diversi settori è necessaria una supermaggioranza (più di 60 su 100 voti) in Senato

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo