Vigilanza

Ocf non perdona, radiato un consulente finanziario

Tra le violazioni del Regolamento Intermediari addebitate, figura quella “dell’art. 157, lett. f), per aver svolto attività incompatibili che si pongono in grave contrasto con l’ordinato svolgimento dell’attività di consulente finanziario, promuovendo per la medesima base clienti investimenti alternativi”

Carla Rabitti Bedogni, presidente dell'Ocf

Carla Rabitti Bedogni, presidente dell'Ocf

Massimo Bonalumi, ex consulente finanziario di Fideuram, è stato radiato dall’Albo unico dei consulenti finanziari dal Comitato di vigilanza dell’organismo di vigilanza e tenuta dell’albo unico dei consulenti finanziari, presieduto da Carla Rabitti Bedogni. Si legge tra l’altro nella delibera: “ai sensi dell’art. 180, comma 4, del Regolamento Intermediari, l’Organismo, tenuto conto delle circostanze e di ogni elemento disponibile, può disporre, in luogo della sanzione prevista, la tipologia di sanzione immediatamente inferiore o superiore. Nel caso di specie, con riferimento alle violazioni dell’art. 157, risulta congruo applicare la sanzione immediatamente superiore a quella tipica della sospensione dall’Albo, attesa la sussistenza di due gravi profili di incompatibilità, dei quali un primo concernente l’investimento di ingenti somme della clientela in attività imprenditoriali riconducibili alla moglie del consulente e un secondo sostanziatosi nella promozione di pratiche illecite”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo