InvestireTV
SCARICA DA
InvestireTV InvestireTV

survey Hsbc 2020

Cresce l'impegno europeo per la finanza sostenibile

Secondo il “Sustainable Financing and Investing”, la survey 2020 di Hsbc, gli emittenti del mercato europeo dei capitali attribuiscono una maggiore importanza alla finanza sostenibile rispetto a un anno fa

 Daniel Klier, global head of sustainable finance di Hsbc

Daniel Klier, global head of sustainable finance di Hsbc

Secondo il “Sustainable Financing and Investing”, la survey 2020 di Hsbc, gli emittenti del mercato europeo dei capitali attribuiscono una maggiore importanza alla finanza sostenibile rispetto a un anno fa, nonostante le sfide senza precedenti legate alla pandemia di Covid-19.

L’indagine mostra che la pandemia di Covid-19 ha rafforzato la convinzione dell’importanza della sostenibilità per oltre un terzo degli emittenti europei (36%). Tre quarti degli intervistati (77%) afferma inoltre che la pandemia ha permesso loro di rafforzare il proprio impegno rivolto ai temi Esg (Environment, Social and Governance) o di comprendere di aver prestato troppa poca attenzione alla componente sociale dei fattori Esg. 

Attualmente gli emittenti europei sono quelli che, nel mondo, hanno mostrato il maggior impegno nelle questioni ambientali e sociali, con il 95% che ritiene che siano temi “molto importanti” (76%) o “abbastanza importanti” (19%), in contrapposizione al 93% registrato a livello globale.

Il principale driver dell’impegno degli emittenti europei sui temi ambientali e sociali è rappresentato dai loro valori (62%). Altri fattori includono la fiducia nel potenziale di rendimento della sostenibilità (36%) e tra i fattori esterni si annoverano in particolare le Ong (41%) e i clienti (36%).

Per quanto riguarda gli investitori europei, il 79% di essi ritiene che i temi ambientali e sociali siano molto o abbastanza importanti, rispetto all’86% degli investitori globali. Le pressioni sociali (47%) e quelle normative (43%) sono le principali forze che influenzano l’attitudine degli investitori europei.

Inoltre dall’indagine è emerso che gli investitori  Europei sono quelli che sentono maggiormente la responsabilità di evitare investimenti che comportino un impatto negativo sull’ambiente e sulla società (61%, in contrapposizione al 53% a livello globale). Essi sono anche molto più propensi, rispetto agli investitori di altre regioni, a tenere sempre in considerazione i fattori Esg nelle loro decisioni di investimento, con la media europea che si attesta al 39%, in contrapposizione al 31% di quella globale.

“La finanza sostenibile è diventata uno dei temi cardine dei mercati dei capitali più velocemente di quanto ci aspettassimo e, di conseguenza, gli accordi Esg vengono sempre più spesso giudicati come un asset tradizionale piuttosto che un riflesso dell’impegno verso le questioni sociali e ambientali”, dice Daniel Klier, global head of sustainable finance di Hsbc.

“Si tratta di una previsione ottimistica, poiché - in ultima analisi - il successo del mercato sul lungo periodo sarà determinato dalla capacità degli investimenti Esg di competere con altre opzioni tradizionali in termini di rapporto rischio-rendimento”.

“L’Europa è in prima linea nel trainare gli sforzi internazionali per combattere il cambiamento climatico ed è leader mondiale della finanza sostenibile. Gli emittenti e gli investitori europei hanno un ruolo chiave da svolgere nella transizione verso un’economia globale a zero emissioni nette. Continueremo a sostenere gli investimenti dei nostri clienti e la crescita della finanza sostenibile, lavorando insieme per raggiungere questo obiettivo”, aggiunge Nuno Matos (in foto), ceo of Hsbc Bank and Hsbc Europe. 

“I risultati della nostra survey mostrano chiaramente come il timore che la pandemia potesse rallentare il cammino verso una finanza più sostenibile si è rivelato infondato, specialmente in Europa. Questo periodo di emergenza sanitaria ha insegnato a tutti che prestare attenzione e agire per la difesa dell’ambiente è sempre più importante. Il Governo italiano e una serie di aziende virtuose nel nostro Paese sono in prima linea nel creare le migliori condizioni per la transizione energetica e noi di Hsbc abbiamo da tempo intrapreso un percorso in questa direzione, coronato dall’annuncio, pochi giorni fa, dell’impegno per raggiungere un’economia a impatto zero entro il 2050", proseguoe Matos. "È ormai evidente che la sostenibilità, che nel mondo finanziario  era un concetto di nicchia fino a qualche anno fa, ricopre oggi un ruolo chiave, riconosciuto da investitori, aziende ed emittenti europei. Vediamo che il desiderio di progredire e migliorarsi è forte, anche perché è stato dimostrato come il rispetto dei criteri Esg e sostenibilità finanziaria siano elementi spesso indissolubilmente legati".

La divisione Hsbc Global Research ha dimostrato inoltre che le azioni delle grandi aziende con rating Esg più elevati hanno sovraperformato la media globale del 4,7% a partire da metà dicembre 2019. Il divario si ampia quando vengono presi in esame i titoli legati al clima, in quanto nello stesso periodo hanno riportato una performance superiore del 13% rispetto alla media globale. La survey ha anche rilevato che:

  • C’è un elevato interesse da parte degli emittenti e degli investitori europei per le opportunità in materia di infrastrutture sostenibili. Gli emittenti sono estremamente interessati alle energie rinnovabili e il loro grado di entusiasmo per la carbon capture, per le forme di energia da idrocarburi a basso tenore di carbonio - come il gas - e per l’energia da idrogeno è superiore alla media globale. Energie rinnovabili e smart city rappresentano la principale priorità degli investitori europei e, anche in questo caso, il dato è superiore alla media globale.
  • Solo il 4% degli emittenti europei considera eccessivo il livello di disclosure delle loro performance ambientali e sociali, in contrapposizione all’11% a livello globale.
  • Gli emittenti europei hanno anche le aspettative maggiori e positive di aumentare il grado di disclosure (31%, rispetto al 24% a livello globale).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo