Quantcast

Immobiliare

La pandemia non frena l'aumento dei prezzi delle case in Europa

Secondo gli economisti di S&P Global Ratings, le valutazioni nella maggior parte dei mercati europei dovrebbero aumentare ulteriormente nel 2020, per frenare nel 2021

Mutui: a Milano l’importo erogato aumenta del 3,5% in un anno

Nonostante lockdown e restrizioni, e il conseguente calo senza precedenti dell'attività economica, quest’anno probabilmente assisteremo a un ulteriore aumento dei prezzi delle abitazioni nella maggior parte dei mercati europei. Come spiega Marion Amiot, Senior Economist di S&P Global Ratings, la domanda accumulata per le case, la necessità di spazi domestici, l'affidabilità creditizia delle famiglie e i bassi costi di finanziamento, “hanno contribuito a un rapido recupero delle transazioni e a un mercato immobiliare dinamico nell'ultima parte dell'anno". La cosa non è sorprendente se ci si focalizza su altri due fattori: i lockdown di primavera hanno ridotto l'offerta di abitazioni, con l'attività edilizia diminuita del 32% (anno su anno) nel secondo trimestre nella zona euro, e addirittura del 36% nel Regno Unito. Inoltre, trascorrendo più tempo a casa e dovendo lavorare e studiare in modalità smart, le famiglie hanno rivalutato il loro bisogno di spazio e, per chi ne ha la possibilità, questo significa prendere decisioni di aggiornamento immobiliare.

A livello di singoli mercati, il report rileva che i prezzi delle abitazioni aumenteranno nel 2020 di più nei Paesi Bassi (6,1%), in Germania (4,6%) e in Svezia (3%). L’aumento dei prezzi si verificherà, seppur in maniera minore, anche in Belgio, Francia, Italia, Svizzera e Regno Unito, mentre solo Irlanda, Spagna e Portogallo potrebbero subire piccoli cali dei prezzi delle abitazioni. Quanto al 2021, S&P ritiene si verificherà un più marcato rallentamento dei prezzi delle abitazioni, man mano che gli aiuti dei governi per contrastare la pandemia saranno gradualmente ridotti e gli sviluppi del mercato del lavoro supporteranno il reddito delle famiglie in misura minore. Per un ritorno ai livelli di attività precedenti la pandemia, quindi, si dovrà attendere il 2022, quando i potenziali cambiamenti strutturali della domanda di abitazioni dovrebbero portare a una nuova accelerazione della domanda e dei prezzi delle abitazioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo