InvestireTV
SCARICA DA
InvestireTV InvestireTV

Risultati commerciali

Reti, settembre in chiaroscuro

Raccolta netta positiva a quota 2,1 miliardi di euro (con risparmio gestito e amministrato equivalenti), ma il calo su agosto è di oltre il -16,6%

Reti, raccolta netta monstre  a quota 3,9 miliardi di euro

Marco Tofanelli, segretario generale di Assoreti e vice presidente di Ocf

Settembre non certo nero ma in calo rispetto al mese di agosto. Un dato in diminuzione che non è insolito nel nono mese dell'anno: i dati rilevati da Assoreti indicano comunque una raccolta netta positiva per le reti di consulenti finanziari abilitati all’offerta fuori sede, pari a 2,1 miliardi di euro. La stagionalità tipica del mese si traduce nella flessione congiunturale dei volumi di raccolta (-16,6%) mentre il confronto tendenziale (+33,0%) consolida il processo di crescita osservato da inizio anno; da gennaio le reti realizzano una raccolta netta pari a 30,9 miliardi di euro con un aumento del 26,3% rispetto allo stesso periodo del 2019. Le risorse nette investite nel mese si distribuiscono equamente tra i due principali comparti: i volumi realizzati sui prodotti del risparmio gestito ammontano a 1,1 miliardi di euro (pari al 51,8% del totale), mentre quelle confluite sulla componente amministrata del portafoglio si attestano a un miliardo di euro. “Il timore delle famiglie italiane di fronte a una rinnovata incertezza si sta traducendo in una forte propensione al risparmio, ma sempre più risparmiatori si affidano alla competenza e alla professionalità dei consulenti finanziari delle nostre associate per una pianificazione personalizzata degli investimenti. Nei primi 9 mesi dell’anno il numero dei clienti delle reti di consulenza finanziaria è cresciuto di oltre 100.000 unità” dichiara Marco Tofanelli, segretario generale dell’associazione.

Bene i fondi di diritto estero. La distribuzione diretta di quote di fondi comuni di investimento si traduce in volumi netti pari a 217 milioni di euro; il bilancio mensile si conferma positivo per le gestioni collettive aperte di diritto estero (323 milioni) e per i fondi chiusi mobiliari (31 milioni), mentre torna in rosso il saldo sugli Oicr aperti italiani (-137 milioni). Si conferma la prevalenza degli investimenti in fondi azionari (461 milioni). Il contributo mensile delle reti al sistema di Oicr aperti, attraverso la distribuzione diretta e indiretta di quote, risulta, quindi, positivo per circa 1,1 miliardi di euro; da inizio anno l’apporto delle reti sale, così, a 11,9 miliardi di euro, portando in positivo anche il risultato complessivo dell’intero sistema fondi (11,3 miliardi).

Gpf su, gpu giù. Le risorse nette destinate al comparto assicurativo/previdenziale ammontano a 569 milioni di euro e coinvolgono principalmente le unit linked (311 milioni) e le polizze multiramo (159 milioni). Il saldo delle movimentazioni complessive effettuate sulle gestioni patrimoniali individuali è positivo per 304 milioni di euro; le risorse nette confluite sulle Gpf (398 milioni) sono solo in parte compensate dalle uscite osservate sulle Gpm (-93 milioni).


Liquidità cresce con la nuova clientela. Il bilancio mensile relativo agli strumenti finanziari amministrati è negativo per 83 milioni di euro: le movimentazioni nette in uscita riscontrate sul mercato secondario (- 2,2 miliardi) sono quasi totalmente compensate dalle risorse investite sul mercato primario (2,1 miliardi). La liquidità confluita sui conti correnti e depositi è pari a 1,1 miliardi di euro, alimentata anche dall’acquisizione di nuova clientela.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo