Quantcast

Immobiliare

Banca Generali punta sul digital real estate

La banca offrirà ai propri clienti un servizio di vendita e acquisto degli immobili residenziali totalmente digitalizzato. E annuncia altre novità nel settore

Mutui: a Milano l’importo erogato aumenta del 3,5% in un anno

Mentre tutti i mercati immobiliari europei si preparano a chiudere l’anno con il segno negativo (-13,8%), secondo un rapporto diffuso oggi da Scenari Immobiliari il settore dei servizi immobiliari segna un lieve incremento dell'1,3%, con l’Italia che cresce addirittura del 4,5%, seconda solo alla Francia (+5,6%). Banca Generali sembra aver fiutato il vento e, dopo un test positivo di alcuni mesi, ha lanciato - in partnership con Homepal, la prima agenzia digitale del mercato italiano - un servizio rivolto ai propri clienti che prevede la digitalizzazione dell'intero processo di acquisto o vendita della casa, a cominciare dalla valuazione e promozione dell’immobile sui canali offerti da Homepal che comprendono la visita dell’appartamento, che può essere fatta anche in remoto. In altre parole, per il cliente che scegliesse questa modalità, di fisico rimarrebbe solo la firma dell’atto notarile. Quanto al target, si tratta prevalentemente di immobili residenziali da 200mila a 2,3 milioni di euro. “Il lockdown da pandemia favorisce il passaggio sul digitale dei prodotti bancari innovativi, e Banca Generali sta allargando i confini del digital real estate per offrire ai clienti opportunità di acquisto o vendita veloci e convenienti perfettamente fruibili anche da remoto - spiega Maria Ameli, responsabile dei Servizi non Finanziari di Banca Generali - Questo è reso possibile dalla partnership siglata con Homepal, che gestisce le acquisizioni e le dismissioni di immobili residenziali collocati nel territorio italiano confermando la sua presenza pionieristica nel mercato digitale del Real Estate”.

Nel dettaglio il servizio, veicolato dalla piattaforma bgpersonaladvisory, parte da una valutazione digitale dell'immobile basata su un algoritmo che utilizza diverse variabili e che produce un’analisi articolata, non solo sui dati ufficiali del mercato immobiliari, ma anche su indicatori del mercato locale. Il servizio offre inoltre assistenza personalizzata e la massima visibilità dell’immobile sulle principali piattaforme di ricerca con l'obiettivo di ottenere la migliore valorizzazione. Il test condotto in quattro città - secondo Ameli - è stato molto positivo con il 50% di pratiche chiuse sui mandati. "La partnership con Homepal è una delle iniziative volte a completare l’offerta si servizi immobiliari destinati alla clientela, ma non è l’unica e altre ne seguiranno", conclude Ameli. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo