InvestireTV
SCARICA DA
InvestireTV InvestireTV

Risparmio

Palermo, Cdp: siamo riusciti a rilanciare il risparmio postale

Nel cordo di un’audizione in commissione di vigilanza, l’ad ha spiegato che il risultato è stato raggiunto con il lavoro sul tema dei prodotti della digitalizzazione, che ha permesso di intercettare nuove fasce di clientela, soprattutto tra i giovani. Il presidente Giovanni Gorno Tempini ha sottolineato la centralità del ruolo delle banche pubbliche di sviluppo in tempi di pandemia

Fusione Nexi-Sia, Palermo: è nato un colosso europeo e mondiale

Fabrizio Palermo, ceo di Cassa Depositi e Prestiti

"La Cassa ha assistito in questi anni a un'inversione di quello che era stato il trend, storico, del risparmio postale. Negli anni precedenti il risparmio postale aveva visto una forte discesa, abbiamo lavorato molto sul tema dei prodotti della digitalizzazione, siamo riusciti a intercettare nuove fasce di clientela, soprattutto tra i giovani, e questo si è tradotto nei numeri che sono risaliti". Lo ha affermato l'ad di Cassa depositi e prestiti, Fabrizio Palermo, nel corso dell'audizione in commissione di vigilanza su Cdp. "Dal 2015 abbiamo lanciato sulla parte finanziaria del gruppo un pesante rafforzamento per la ristrutturazione complessiva finanziaria. Abbiamo messo in piedi, da zero, una nuova strategia e oggi abbiamo cinque anni di crescita. L'orientamento che abbiamo avuto è stato quello di far crescere la solidità patrimoniale di cassa" ha aggiunto Palermo.

Il presidente Giovanni Gorno Tempini ha sottolineato la centralità del ruolo delle banche pubbliche di sviluppo in tempi di pandemia. "L'anno in corso ha visto la cassa impegnata in modo particolare per contrastare i drammatici effetti negativi sull'economia del paese legati alla pandemia del Covid-19. Il gruppo ha messo in campo numerose iniziative per supportare le imprese, le amministrazioni, i territori. In tutta Europa è andato emergendo sempre di più il ruolo delle banche pubbliche di sviluppo, soggetti come noi che con la loro attività garantiscono il sostegno all'economia nazionale. Abbiamo immediatamente messo a disposizione per le imprese 7 miliardi di liquidità e 4 miliardi, attraverso Sace, di garanzie per export e internazionalizzazione. Inoltre sta collaborando con il ministero dell'Economia per il cosiddetto patrimonio di rilancio e vorrei ricordare che si tratta di un intervento temporaneo, senza ingerenze dello Stato nelle società, che si attiva solo su richiesta delle imprese" ha affermato Gorno Tempini.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo