InvestireTV
SCARICA DA
InvestireTV InvestireTV

Obbligazioni

Hera colloca un nuovo bond da 500 milioni di euro

Forte interesse da parte degli investitori per la nuova emissione obbligazionaria per finanziare i progetti del gruppo: pervenuti ordini per oltre 2 miliardi. Riscontri positivi trainati dalla solidità della multiutility e dal suo elevato profilo di sostenibilità, riconosciuto anche dal recente ingresso nel Dow Jones Sustainability Index

Le ambizioni di Hera, nel nuovo piano 1,2 milioni di Mol

Il gruppo Hera ha collocato con successo sul mercato degli Eurobond un prestito obbligazionario rivolto a investitori qualificati dell’importo nominale di 500 milioni di euro e con durata di 10 anni.

La nuova emissione ha riscontrato subito un forte interesse da parte degli investitori dei principali Paesi europei: in una sola giornata sono pervenuti infatti ordini per 4 volte l’offerta. La quantità e la qualità degli ordini ricevuti hanno quindi permesso di fissare il prezzo a livelli eccellenti pari a Mid Swap Rate +60 basis point, per una cedola pari allo 0,25% che rappresenta il valore più basso per un’obbligazione corporate italiana di pari durata.

Le obbligazioni saranno emesse nell’ambito del programma Euro Medium Term Notes (che il 24 novembre 2020 è stato aggiornato con l’incremento a 3,5 miliardi di euro del plafond massimo in linea capitale di prestiti obbligazionari che possono essere in circolazione contestualmente) e verranno quotate sul mercato regolamentato della Borsa dell’Irlanda (Euronext Dublin) con un rendimento pari a 0,348%. La data di regolamento dell’emissione è prevista per il 3 dicembre 2020.

È inoltre atteso che al nuovo bond venga assegnato un rating in linea con quello del gruppo Hera: rating Baa2 con Outlook stabile per Moody’s e BBB con Outlook positivo per Standard & Poor’s.

La nuova emissione servirà a finanziare gli investimenti del Gruppo Hera in progetti nei settori dell’ambiente, dell’acqua e dell’energia, per la realizzazione di interventi innovativi e in linea con l’attenzione alla sostenibilità che da sempre caratterizza le attività della multiutility.

La sostenibilità del gruppo Hera

Fin dalla sua nascita, 18 anni fa, Hera ha pienamente integrato gli obiettivi di sostenibilità nelle proprie strategie in tutte le aree di business, coniugando risultati economici in continua crescita con la creazione di valore condiviso per tutti gli stakeholder e i territori in cui opera, garantendo efficienza e resilienza, salvaguardando l’ambiente e tutelando le risorse naturali. Un modello che ha continuato a guidare le azioni del Gruppo anche, a maggior ragione, in questo anno difficile a causa dell’emergenza sanitaria in corso.

La sostenibilità del Gruppo Hera è confermata anche dalla recente inclusione nel Dow Jones Sustainability Index (DJSI), uno dei più autorevoli indici borsistici mondiali di valutazione della responsabilità sociale, che seleziona le principali aziende a livello internazionale in base alle migliori performance ESG. Oltre all’ingresso contestuale nell’indice mondiale ed europeo, Hera si è posizionata “Industry leader” sulle circa 3.500 imprese a maggiore capitalizzazione nel mondo esaminate dal DJSI.

I partner dell’operazione

L’emissione del bond è stata curata da un pool di banche in qualità di joint bookrunners: BNP Paribas, Crédit Agricole CIB, Deutsche Bank, IMI - Intesa Sanpaolo, Mediobanca e UniCredit Bank.

Lo studio legale Legance - Avvocati Associati ha assistito Hera, mentre lo studio Linklaters ha supportato i joint bookrunners.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo