Quantcast

Npl

Sabatini: dalle norme sui crediti deteriorati rischio di gravi conseguenze

Per il direttore generale dell'Abi si va verso una forte limitazione della possibilità per le banche di offrire all'economia l'indispensabile sostegno per uscire dalla crisi

Giovanni Sabatini, neo vicepresidente di Cbi

Il direttore generale dell'Abi, Giovanni Sabatini

"L'imminente applicazione di alcuni elementi della disciplina europea in materia di crediti deteriorati, così come modificata negli ultimi anni, in un contesto completamente diverso da quello attuale, rischia infatti di avere gravi conseguenze sul tessuto economico dell'Italia". È l'avvertimento lanciato dal direttore generale dell'Abi, Giovanni Sabatini, in audizione davanti alla commissione di inchiesta sulle banche. "Da un lato limitando fortemente la possibilità per le banche di offrire all'economia l'indispensabile sostegno per uscire dalla crisi e, dall'altro, compromettendo irrimediabilmente la situazione finanziaria di clienti che si trovino a versare in difficoltà, anche solo temporanea".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo