Quantcast
InvestireTV
SCARICA DA
InvestireTV InvestireTV

scenari | lombard odier

Gli investitori provano a guardare oltre le rivolte di Capitol Hill

"Nella settimana in cui gli Usa hanno registrato il più alto numero di morti giornaliere per Covid-19, il presidente in carica Trump è stato accusato di incitamento alla rivolta". Il commento di Stéphane Monier

Gli investitori provano a guardare oltre le rivolte di Capitol Hill

I disordini di qualche giorno fa nel Capitol Hill a Washington

"Nella settimana in cui gli Stati Uniti hanno registrato il più alto numero di morti giornaliere per Covid-19 e il presidente in carica Donald Trump è stato accusato di incitamento a una rivolta a Capitol Hill, gli elettori nello stato della Georgia hanno consegnato il controllo di entrambi i rami legislativi americani ai Democratici. Ciò dovrebbe sbloccare stimoli economici più generosi sotto l'amministrazione Biden quest'anno e una ripresa più robusta". Il commento di Stéphane Monier, cio di banca Lombard Odier

Il percorso verso il mandato dei Democratici non è stato lineare. A settembre, sei settimane prima delle elezioni presidenziali, abbiamo suggerito quattro possibili esiti, valutando come il più probabile uno sweep democratico alla Casa Bianca, al Senato e alla Camera dei Rappresentanti.

Anche se è qui che siamo finiti, le nostre previsioni sono cambiate subito dopo le elezioni di novembre per aspettarci un Congresso diviso poiché il controllo del Senato dipendeva dal ballottaggio della Georgia, dove fino ad ora gli elettori hanno eletto i repubblicani alle elezioni presidenziali dal 1996.

Gli elettori della Georgia si sono recati di nuovo alle urne il 5 gennaio 2021. Le regole elettorali dello stato hanno richiesto una ripetizione perché nessun candidato ha ottenuto la maggioranza assoluta il 3 novembre dello scorso anno. I democratici Raphael Warnock e Jon Ossoff hanno vinto entrambi i seggi del Senato dello stato, lasciando la camera alta degli Stati Uniti con una divisione 50:50 tra democratici e repubblicani e qualsiasi voto decisivo per il vicepresidente eletto Kamala Harris.

Ciò non dà all'amministrazione Biden una mano legislativa libera, poiché l'approvazione del Congresso rimane dipendente dal sostegno di ogni senatore democratico. Modifiche più profonde, ad esempio al codice fiscale, potrebbero richiedere una "maggioranza assoluta" di due terzi o tre quinti al Senato, anche se l'amministrazione Biden potrebbe, ad esempio, abrogare i tagli alle tasse con una maggioranza semplice.

Disuguaglianza, divisione e cicatrici


La politica statunitense è iniziata nel 2021 con una registrazione di Trump che invitava i funzionari delle elezioni statali della Georgia a "ricalcolare" i risultati di novembre, a seguito dello sforzo di un anno del presidente per screditare il processo elettorale. Il suo costante rifiuto di accettare il risultato elettorale è culminato in un incitamento del 6 gennaio a marciare su Capitol Hill e in rivolte. Il signor Trump ha quindi fatto marcia indietro con le richieste di pace, poiché democratici e repubblicani hanno iniziato a chiedere la sua rimozione dall'incarico solo due settimane prima della scadenza del suo mandato alla Casa Bianca.

Col tempo, la violenza della scorsa settimana potrebbe aiutare il Partito Repubblicano a recidere i legami con Trump. "Orchestrare una folla per fare pressione sul Congresso è imperdonabile", ha detto l'ex procuratore generale del presidente, William Barr. I democratici, con un po 'di sostegno repubblicano, stanno cercando di rimuovere Trump dall'incarico giorni prima della scadenza del suo mandato e potrebbero iniziare un secondo processo di impeachment che potrebbe estendersi fino al mandato della prossima amministrazione.

La svolta democratica non può oscurare la profondità della polarizzazione nella politica statunitense. La quota dei 74 milioni di americani che hanno votato per i repubblicani a novembre e ancora dubitano della validità delle elezioni del 2020 non sarà rapidamente convinta dalla mancanza di prove di frode. Anche dopo i disordini, 8 senatori repubblicani e 139 rappresentanti della Camera hanno votato per rifiutare la certificazione di Biden come 46 ° presidente degli Stati Uniti.

Le cicatrici politiche e sociali sono profonde. Il dolore inflitto dalla pandemia Covid alle disuguaglianze sociali e razziali del paese, la disaffezione verso le istituzioni politiche statunitensi e il danno alla credibilità internazionale, potrebbero richiedere ancora più tempo per guarire e probabilmente domineranno il discorso politico nei prossimi anni. Le disuguaglianze potrebbero essere aggravate se i 500 miliardi di dollari extra previsti a sostegno della pandemia fossero distribuiti male.

Garantire la crescita


Per l'economia statunitense, la conseguenza più immediata del controllo democratico del Congresso sarà una spinta fiscale ancora maggiore. La spesa aggiuntiva sotto l'amministrazione Biden, che può includere disposizioni per la disoccupazione, andrebbe ad aggiungersi a un pacchetto da 900 miliardi di dollari già concordato dal Congresso nel dicembre 2020. Un nuovo pacchetto potrebbe portare il sostegno pandemico totale a circa il 18% del prodotto interno lordo degli Stati Uniti ( vedi grafico) e aggiungere fino all'1% alla crescita del Pil nel 2021.

Con Jerome Powell che probabilmente rimarrà a capo della Federal Reserve (Fed) per tutto il suo mandato, che scadrà a febbraio 2022, la guida della banca centrale per nessun aumento dei tassi di interesse fino al 2023 dovrebbe reggere. La Fed dovrebbe anche lavorare a stretto contatto con il prossimo segretario del Tesoro, l'ex presidente della Fed Janet Yellen per coordinare la politica monetaria e fiscale.

Il sostegno fiscale è vitale poiché l'economia statunitense rimane fragile di fronte alla recessione dell'attività. Ad esempio, i dati pubblicati il ​​7 gennaio mostrano che le prime richieste di sussidio di disoccupazione per la settimana fino al 2 gennaio ammontano a 787.000 rispetto ai 790.000 della settimana precedente, insieme al più piccolo aumento di nuovi posti di lavoro da maggio. Questa disoccupazione dovrebbe rivelarsi temporanea in quanto è probabilmente collegata al recente picco di infezioni da Covid.

Tuttavia, le reti di sicurezza fiscale e monetaria, così come le prime vaccinazioni Covid, sono ora in atto per sostenere una ripresa negli Stati Uniti. Nell'agosto 2020, il presidente della Federal Reserve Jerome Powell ha annunciato che la banca centrale stava adeguando il suo obiettivo di inflazione per lasciare che l'inflazione fosse media del 2%. Sebbene un ulteriore stimolo fiscale possa indurre una certa inflazione nell'economia, questo nuovo quadro consente alla Fed di tollerare un temporaneo superamento dell'obiettivo di inflazione.

Punto debole del mercato


I mercati la scorsa settimana si sono concentrati sulle implicazioni a lungo termine della spazzata democratica, piuttosto che sulla pandemia o sulle rivolte. Il rendimento dei titoli del Tesoro USA a 10 anni è salito di 20 punti base quest'anno all'1,12% l'8 gennaio, il tasso più alto da marzo. Anche le azioni statunitensi hanno guadagnato, portando l'S & P 500 a un nuovo record.
Il risultato politico è un punto debole per i mercati perché l'amministrazione Biden dovrebbe dimostrarsi più coerente nelle sue politiche e cooperativa a livello internazionale piuttosto che isolazionista. La stretta maggioranza democratica al Senato significa anche che c'è meno rischio di una regolamentazione più elevata e di tasse sulle società.

Joe Biden presterà giuramento alla Casa Bianca il 20 gennaio, alla presenza del vicepresidente uscente Mike Pence, ma sfidando le convenzioni, senza Trump. Lo spostamento dell'equilibrio di potere e il sostegno agli stimoli per l'economia reale si stanno combinando per creare un ambiente sano per le attività rischiose, in particolare le azioni. Manteniamo la nostra esposizione ai titoli statunitensi, che beneficiano di ottime performance in piccole capitalizzazioni, informatica e sanità. Continuiamo a investire nella ripresa dell'attività diversificando la nostra allocazione verso regioni più esposte al ciclo, come l'Europa e i mercati emergenti, dove abbiamo appena rafforzato la nostra posizione azionaria.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo