Quantcast

finanza sostenibile

Esg, in arrivo la tassonomia dell'Ue. Nn Ip presenta la sua

Il 10% delle maggiori obbligazioni corporate IG sostenibili dell’area euro non rispetta gli standard di sostenibilità di Nn Ip.

L'Unione Europea quest’anno intraprenderà uno dei suoi passi più significativi nel chiarire cosa significa sostenibilità nella pratica. La legislazione Ue in materia di tassonomia stabilirà quali attività economiche si potranno qualificare come "sostenibili" o "verdi". Questo, come generalmente riconosciuto, rappresenterà uno stimolo per il mercato delle obbligazioni verdi.

Tuttavia, la maggiore chiarezza che ne deriva potrebbe anche portare alla luce quelle aziende che emettono obbligazioni nell'Eurozona ma che non rispettano gli standard di sostenibilità sempre più diffusi, aprendole alla potenziale minaccia di disinvestimento.

"La tassonomia dell'Unione Europea accenderà i riflettori sulle aziende", prevede Annemieke Coldeweijer, co-lead portfolio manager, sustainable credit di Nn Ip, "che dovranno riportare i dettagli delle loro attività e delle loro ambizioni per quanto riguarda i temi ambientali, sociali e di governance. La trasparenza sarà un elemento chiave. Eventuali deficit in tal senso potrebbero impedire agli investitori di investire in queste società".

Un’analisi di Nn Ip mostra che 206 delle 729 società che emettono obbligazioni Investment Grade (IG) per un valore pari o superiore a 300 milioni di euro nella zona euro non presentano i requisiti per l'indice Bloomberg Barclays Msci Euro Aggregate Sustainable SRI Sector Neutral Index. Queste società rappresentano il 28% del numero di società dell'equivalente non sostenibile, l'indice Bloomberg Barclays Euro Aggregate Corporate Index, e un quarto (25%) delle sue obbligazioni in emissione.

Nn Ip osserva che le società che non rientrano nell’indice operano in diversi settori, incluse le società coinvolte in pratiche controverse, come la produzione di tabacco e di armi, nonché aziende che operano in settori che vanno da quello finanziario a quello chimico. 

Secondo i criteri di sostenibilità proprietari di Nn Ip, anche il 10% delle aziende per valore di mercato nell’indice Bloomberg Barclays Msci Euro Aggregate Sustainable Sri Sector Neutral Index non soddisfa gli standard di sostenibilità accettabili in quanto non dimostra un impegno sufficiente a raggiungere gli obiettivi legati al clima o a non nuocere. Queste società sono concentrate nei settori finanziario, chimico ed energetico

"La nostra analisi illustra quanto sia importante per i gestori di fondi applicare i propri criteri di selezione piuttosto che affidarsi a un'etichetta o a un indice di sostenibilità", continua Coldeweijer. "Questo per garantire che il patrimonio dei nostri clienti sia allocato in modo veramente sostenibile”.

L’Nn (L) Euro Sustainable Credit Fund, che investe nelle obbligazioni delle società ritenute sostenibili secondo i rigorosi criteri sostenibili proprietari di Nn Ip, ha superato il traguardo di 1 miliardo di euro di patrimonio in gestione. Il fondo mira a sovraperformare l'indice Bloomberg Barclays Euro Aggregate Corporate gestendo attivamente un portafoglio di obbligazioni societarie investment grade con un profilo sostenibile basato su criteri di screening Esg, una selezione positiva rispetto a fattori materiali ambientali, sociali e di governance e una minore impronta di carbonio.

Il processo di investimento del Fondo si basa su tre pilastri: integrazione Esg; selezione positiva ed esclusione. Un approccio attivo consente al team di gestione di trarre il massimo vantaggio dalle intuizioni Esg con un'attenzione particolare alla preparazione al cambiamento e, grazie all'integrazione di dati Esg materiali e di alta qualità nel processo d'investimento, i rendimenti corretti per il rischio possono essere migliorati selezionando i futuri vincitori. Questo ha generato una sovraperformance stabile e costante in ogni anno fin dal lancio del fondo.

Nn (L) Euro Sustainable Credit Fund è un comparto di Nn (L), con sede in Lussemburgo. Nn (L) * è debitamente autorizzato dalla Commission de Surveillance du Secteur Financier (CSSF) in Lussemburgo. Classi di azioni selezionate del comparto sono attualmente registrate nel Regno Unito, Lussemburgo, Italia, Svizzera, Belgio, Paesi Bassi, Germania, Spagna e Francia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo