Quantcast

Poste Italiane

Buoni fruttiferi postali prescritti: si possono incassare fino al 31 marzo

Arriva un importante provvedimento a favore di tutti coloro i quali si ritrovano in possesso di Buoni Fruttiferi Postali cartacei il cui termine di prescrizione si è verificato tra il primo febbraio 2020 e il 31 gennaio 2021.

Buoni Fruttiferi Postali prescritti: si possono incassare fino al 31 marzo

Arriva un importante provvedimento a favore di tutti coloro i quali si ritrovano in possesso di Buoni Fruttiferi Postali cartacei il cui termine di prescrizione si è verificato tra il primo febbraio 2020 e il 31 gennaio 2021.
Dopo un prima proroga, adottata tramite il Decreto Rilancio, precisamente dall'articolo34 comma 3 del Decreto Legge 19 maggio 2020, n. 34, convertito con modificazioni dalla legge 17 luglio 2020, n. 77, e che consentiva l'incasso fino al 31 luglio 2020 dei buoni il cui termine di prescrizione era scaduto entro il 30 giugno precedente, le Poste hanno pubblicato sul proprio sito internet l'avviso di ulteriore dilazione del termine fino al 31 marzo prossimo sancita dall'art. 72 del Decreto Legge 14 agosto 2020 n. 104, come modificato dalla legge 13 ottobre 2020 n. 126 e dall’art. 19 del Decreto Legge 183/2020.

La decisione riguarda tutte le tipologie di Buoni Fruttiferi Postali cartacei il cui termine di prescrizione è scaduto tra il 1 febbraio 2020 e lo scorso 31 gennaio. Rammentiamo che la prescrizione del diritto ad incassare i Buoni Fruttiferi Postali è decennale e decorre, a seconda della tipologia di titolo, dal giorno successivo alla data di scadenza oppure dal giorno successivo al 31 dicembre dell'anno di scadenza.
 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo