Quantcast
InvestireTV
SCARICA DA
InvestireTV InvestireTV

Commodity

Kinsella (UBP), “Il calo dell’oro non durerà a lungo”

Secondo lo strategist, la Fed annuncerà una politica di controllo sulla curva dei rendimenti. E il metallo giallo potrà salire fino a 2.100 dollari l'oncia

Oro, mai viste così tante acquisizioni e fusioni

Uno dei sicari dell’oro è l’aumento dei tassi di interesse americani. Ma, secondo Peter Kinsella, Global Head of Forex Strategy di Union Bancaire Privée (UBP), i rischi nel breve termine per il metallo giallo sono al ribasso. Il recente irrigidimento della curva dei rendimenti Usa e il miglioramento del sentiment di rischio hanno portato a un calo dei prezzi dell'oro, da 1.950 a 1.790 dollari l'oncia lo scorso lunedì. Ma non è il caso di preoccuparsi troppo. “Gli investitori hanno leggermente spostato i portafogli dall'oro verso asset a più alto rendimento nel breve termine, il che spiega le variazioni di prezzo degli ultimi mesi”, spiega Kinsella. Che aggiunge: “Ora ci aspettiamo che questi rischi al ribasso non durino a lungo, perché la Federal Reserve probabilmente cercherà di far fronte all'irrigidimento della curva dei rendimenti annunciando una politica di controllo della curva dei rendimenti”.

Una politica di controllo della curva dei rendimenti limiterebbe i movimenti al rialzo dei bond americani a lungo termine, e questo rappresenta senza dubbio uno sviluppo costruttivo per l'oro. Come spiega Kinsella, quando la Fed si muoverà in questa direzione, l'oro potrà salire senza tornare indietro. “Inoltre, ci aspettiamo che il dollaro continuerà a indebolirsi nei prossimi nove mesi di circa il 10% su una base ponderata per il commercio”, aggiunge lo strategist. Questi due sviluppi sosterranno quindi un continuo rialzo dell'oro nel lungo termine. “Nonostante il miglioramento dell'economia globale, le Banche centrali manterranno i tassi a livelli estremamente bassi per un periodo prolungato di tempo, il che sosterrà i prezzi dell'oro nel lungo termine”, spiega Kinsella. Che conclude: “E, nel lungo termine, un movimento a livelli di circa 2.100 dollari per oncia è del tutto fattibile”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo