Quantcast

Authority

Non verificare l’identità dei clienti costa 516 euro

A tanto ammonta la sanzione comminata da Ocf a nove consulenti finanziari per “non aver verificato l’identità del cliente o del potenziale cliente, prima di raccoglierne le sottoscrizioni o le disposizioni”

Carla Rabitti Bedogni, presidente di Ocf

Nove consulenti finanziari hanno subito una sanzione pecuniaria da 516 euro dall’Albo unico dei consulenti finanziari dal Comitato di vigilanza dell’organismo di vigilanza e tenuta dell’albo unico dei consulenti finanziari, presieduto da Carla Rabitti Bedogni, in seguito a segnalazione di Banca Mediolanum. Si legge tra l’altro nelle nove delibere che per la violazione addebitata “la condotta posta in essere dal/dalla consulente non risulta preordinata né al conseguimento di un vantaggio personale né ad arrecare pregiudizio alla clientela coinvolta; la carenza di diligenza che ha portato alla mancata identificazione della clientela da parte del/della consulente è scaturita dalla condotta tenuta da una collega del medesimo/della medesima che ne ha carpito la fiducia; con riguardo all’attività professionale, non risulta alcun reclamo né precedente a carico del/della consulente”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo