Quantcast

scenari | Columbia Threadneedle I

Una ripresa disomogenea per le obbligazioni investment grade?

"Le aziende non beneficeranno allo stesso modo di una ripresa, rendendo la selezione del credito essenziale per scegliere i vincitori ".  Il commento di Ryan Staszewski

L'azionario Uk aldilà della psicosi da Brexit

"Quando, all'inizio del 2020, i mercati finanziari si sono resi conto del probabile numero di contagi dovuto alla pandemia di coronavirus, c'è stata una corsa disordinata verso la messa in sicurezza. Fortunatamente, però, la massiccia risposta da parte della politica internazionale ha ripristinato la fiducia e i mercati sono rimbalzati". Il commento di Ryan Staszewski, gestore del fondo Threadneedle (Lux) European Strategic Bond fund di Columbia Threadneedle I.

Dal suo picco al suo minimo, l'indice azionario Ftse World è sceso di oltre il 20% all'inizio del 2020. Anche i mercati obbligazionari sono stati colpiti, poiché le obbligazioni high yield e investment grade inizialmente sono state vendute. Infatti, i mesi di marzo e aprile 2020 si sono distinti per i riscatti significativi dei fondi HY e IG.

Ma così come il selloff è stato tempestivo e profondo, anche la risposta politica è stata senza precedenti. Nel 2020, a livello globale, le banche centrali hanno pompato circa 6.000 miliardi di dollari nell'economia attraverso ilquantitative easing. Alcune banche centrali, come la Federal Reserve degli Stati Uniti, hanno anche ampliato il proprio toolkit, acquistando per la prima volta obbligazioni societarie.

Nel frattempo, la risposta fiscale in tutto il mondo è stata di proporzioni storiche, con i governi che in molti casi hanno messo a disposizione la cassa integrazione per i dipendenti privati, oltre a fornire agevolazioni fiscali e garanzie statali sui prestiti. Con il 2021 ben avviato, i mercati obbligazionari hanno ormai superato la fase di sofferenza e, con gli stimoli in corso, sono ben avviati sulla strada della ripresa.

L'enorme stimolo ha fatto sì che quasi tutte le asset class del reddito fisso abbiano registrato buoni rendimenti nel 2020: molti rendimenti obbligazionari hanno toccato i minimi storici, mentre la quantità di obbligazioni a rendimento negativo ha raggiunto i massimi storici. Anche le obbligazioni IG hanno performato bene: i rendimenti globali per il 2020 nel loro complesso sono stati del 7,7%.

La selezione del credito sarà essenziale

Ma che dire del 2021? È chiaro come sia necessaria una massiccia campagna vaccinale per far sì che l'economia globale possa tornare ad una sorta di "normalità". Nel frattempo, le economie continueranno a dipendere dalle misure di stimolo per accelerare la ripresa.

Nel breve e nel medio periodo non ci sono molti segni del fatto che le banche centrali stiano allentando la presa. Infatti, ci aspettiamo che continuino a iniettare liquidità in modo sostanziale per tutto il 2021. Le principali banche centrali, come la Banca centrale europea e la Federal Reserve degli Stati Uniti, hanno chiesto più misure fiscali per facilitare la ripresa economica. Negli Stati Uniti, il Presidente Joe Biden ha messo in campo ulteriori stimoli fiscali su larga scala.

Chiaramente, i mercati obbligazionari si stanno riprendendo. Ma questa ripresa sarà disuguale, e alcuni settori e società se la caveranno meglio di altri. In mercati così difficili, la selezione del credito sarà fondamentale. Questo gioca a favore dei nostri punti di forza dato che il nostro team globale di reddito fisso di 150 persone si occupa di ricerca, gestione del portafoglio e trading. Siamo investitori bottom-up, che si avvalgono della ricerca fondamentale di un team globale di analisti del credito interni.

All'inizio del 2021, prevediamo che la maggior parte delle obbligazioni IG supererà la tempesta dovuta al Covid-19, nonostante i livelli record del debito societario. A seguito delle significative emissioni di debito nei mercati primari nel 2020, la maggior parte delle società IG dispone ora di molta liquidità, utile nel caso in cui dovessero materializzarsi imprevisti rischi di ribasso legati alla pandemia, che ostacolano l’attesa ripresa globale.

Inoltre, i team di gestione di molte società stanno ora cercando di ridurre la leva finanziaria dei loro bilanci pagando i propri debiti. Sui nostri modelli previsionali vediamo una riduzione della leva finanziaria nel 2021 e, nel corso dell'anno, un ritorno della leva finanziaria aziendale ai livelli della fine del 2019 - un risultato importante visti i danni inflitti alle economie globali dalla pandemia Covid-19.

Tuttavia, stiamo tenendo d'occhio i segnali di avvertimento come i riacquisti di titoli, M&A o aumenti dei dividendi – che potrebbero distrarre il management dai piani di riduzione del debito.

Lo stimolo è qui per rimanere

Quali sono gli altri possibili venti contrari? Forse il più grande rischio per i mercati obbligazionari è l'inflazione. Abbiamo visto dei leggeri rialzi dei prezzi ma, finora, niente che ci faccia preoccupare più di tanto. Nel più lungo periodo, siamo confortati dal fatto che le economie globali affronteranno una potente pressione strutturale al ribasso sui prezzi, dati i fenomeni deflazionistici come i progressi tecnologici e l'invecchiamento della popolazione.

La fine degli stimoli fiscali è un'altra preoccupazione per gli investitori a reddito fisso, dato l'enorme sostegno che le politiche globali hanno dato ai mercati obbligazionari e azionari. Una campagna rapida ed efficace di vaccinazione a livello globale potrebbe porre le basi per un forte rimbalzo economico, riducendo la necessità di sostegno politico.

Ma anche in uno scenario così roseo, crediamo che le misure di stimolo siano qui per restare, almeno nel breve e nel medio periodo. Ciò significa che probabilmente forniranno supporto ai mercati obbligazionari globali fino al 2021 e oltre. I mercati del reddito fisso offrono un’ampia gamma di caratteristiche in termini di rischio e di rendimento.

Poiché l’attrattiva di ogni segmento può variare con l’evolversi dei cicli economici e del credito, le nostre capacità sono state ottimizzate per rispondere alle esigenze dei singoli clienti, offrendo diversificazione, reddito, rendimento totale e tutela del capitale.

Il fondo Threadneedle (Lux) European Strategic Bond di Columbia Threadneedle Investments offre una soluzione “tutto in uno” che impiega un approccio flessibile per investire nell'intero mercato del reddito fisso, concentrandosi sulle aree con i migliori profili di rischio/rendimento. Gestiamo questo tipo di strategie con un approccio molto flessibile e diversificato, per mantenere al minimo la volatilità degli investimenti e ottenere ritorni decisamente interessanti.

In particolare, per quanto riguarda la diversificazione, tendiamo a investire in più di una classe di attivo nell’universo obbligazionario, come ad esempio emissioni governative, emissioni corporate, emissioni ad alto rendimento o, ancora, debito emergente. Per quanto riguarda la flessibilità, cerchiamo di strutturare al meglio le scadenze dei titoli che inseriamo in portafoglio per ottimizzare la possibilità di rendimento con il rischio che inseriamo all’interno del portafoglio.

Il fondo è gestito da un team opportunamente calibrato di analisti esperti e le giuste infrastrutture che permettono di creare valore attraverso la selezione dei titoli in fase di costruzione del portafoglio. Il nostro team di credito globale si avvale di notevoli risorse e vanta 17 anni di esperienza in media nel settore.

Ciò significa che i nostri esperti degli investimenti hanno al loro attivo già diversi cicli economici e di mercato e conoscono le performance registrate da aziende e dirigenti in molteplici condizioni. Attualmente, il fondo investe 48,5% in titoli societari Investment Grade, 29,5% High Yield, 13% in obbligazioni governative. I settori del credito dove siamo in sovvrapeso rispetto all’indice sono: Utility, Settore immobiliare, beni di consumo, sanità. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo