Quantcast

Fondi

Amundi lancia Just Transition for Climate

Un’innovativa strategia a reddito fisso che contribuisce alla transizione energetica nel rispetto della coesione sociale

In Italia gli Esg sono un mercato ancora acerbo

Amundi, primo asset manager europeo, ha lanciato un nuova strategia di investimento all'interno della Sicav Amundi Responsible Investing: Just Transition for Climate (di seguito denominato "il fondo"). Il fondo è un portafoglio europeo a reddito fisso gestito attivamente, con obiettivi quantificabili per accompagnare la transizione energetica nel rispetto dei criteri di coesione sociale.

L'Accordo di Parigi definisce un quadro globale per gli investitori che desiderano rispondere al cambiamento climatico. Amundi, pioniera nello sviluppo di investimenti responsabili, è pienamente impegnata a favore di una transizione verde equa che tenga conto dei criteri sociali.

Il fondo Just Transition for Climate è il primo fondo ad essere:

allineato con la transizione energetica, incorporando un obiettivo di riduzione dell'impronta di carbonio;

socialmente inclusivo, integrando un punteggio[1] di "Just Transition" che incorpora i diversi aspetti sociali coinvolti nella transizione verso un'economia a basse emissioni di carbonio: impatto sui lavoratori, sui consumatori, sulle comunità locali e sulla società in generale;

dinamico e lungimirante, attraverso la sua politica di engagement su misura per supportare gli emittenti nella loro transizione in linea con gli obiettivi ambientali e sociali della strategia.

Il fondo Just Transition for Climate in origine era denominato Amundi Responsible Investing - Green Bonds, ed era stato lanciato nel 2015 sulla scia della COP21, il cui obiettivo era combattere il riscaldamento globale. Trasformare il fondo in una strategia focalizzata sulla “Just Transition” si basa su una forte convinzione: la transizione energetica non deve andare a scapito delle questioni sociali.

Quantificare l'impatto degli investimenti a favore della transizione low carbon

L'universo di investimento, basato sull'indice Bloomberg Barclays Euro Aggregate Corporate, è composto da 3.122 obbligazioni societarie. Questo universo viene perfezionato utilizzando uno screening negativo basato su criteri climatici e sociali per mantenere solo quegli emittenti che hanno dichiarato l'obiettivo di ridurre la loro impronta di carbonio, che non presentano un rischio fisico estremo e per i quali il rating ESG e il rating Just Transition sono migliori o uguali a E (‘A' è il punteggio più alto e ‘G' il più basso).

Il portafoglio è stato progettato per investire nella direzione di una transizione equa con particolare attenzione a:

clima, mantenendo l'impronta di carbonio inferiore del 20% rispetto al benchmark[3] e con una riduzione annuale;

Just Transition, cercando di ottenere un punteggio superiore a quello del benchmark;

criteri Esg basati sulla metodologia di rating Esg proprietaria di Amundi con un punteggio target superiore a quello del benchmark.

Il controllo e la verifica continui degli indicatori climatici e sociali consentono che il fondo rimanga in linea con i suoi obiettivi. Il team di investimento svolge anche attività di monitoraggio per tenere traccia degli obiettivi di engagement annunciati dagli emittenti.

Un obiettivo di performance finanziaria

Poiché l'universo di investimento è rappresentato dall’indice Bloomberg Barclays Euro Aggregate Corporate, il fondo utilizza questo indice anche come benchmark per la performance finanziaria. L'obiettivo del team di gestione è sovraperformare l'indice implementando un comprovato processo di investimento, avvalendosi del sistema di analisi di Amundi.

Il concetto di Just Transition

Il concetto di “Just Transition” si basa sulla premessa che una transizione verso un'economia low carbon e rispettosa dell'ambiente dovrebbe essere accettabile per tutti, e perciò deve affrontare la dimensione sociale di tale transizione. Queste dimensioni sociali sono definite come segue:

lavoratori: assicurarsi che i lavoratori dei settori in fase di ristrutturazione possano trovare lavoro nelle imprese sostenibili e contribuire al modo in cui queste transizioni sono organizzate e implementate, e che siano protetti dagli effetti nocivi del cambiamento climatico;

consumatori: verificare che i beni di consumo siano accessibili a tutti a prezzi abbordabili;

comunità locali: accertarsi che i costi e i benefici della transizione siano equamente ripartiti;

società in generale: una transizione equa permette a tutti gli stakeholder di svolgere pienamente il proprio ruolo e di partecipare a un dialogo costruttivo.

Per tenere conto di queste dimensioni, il sistema di rating “Just Transition” è stato concepito per attribuire punteggi che misurano le performance degli emittenti in relazione a realtà a loro simili su specifiche questioni sociali. Ogni dimensione è quindi ponderata secondo la sua importanza nell'accettabilità sociale della transizione verso un'economia a basse emissioni di carbonio. Il monitoraggio e il dialogo continui con gli emittenti consentono che i punteggi e le ponderazioni siano adeguati se necessario.

Engagement continuo

In linea con l'approccio di lungo periodo di Amundi all'investimento responsabile, il fondo beneficia di una politica di engagement finalizzata a supportare le aziende nel loro impegno verso obiettivi di transizione trasparenti, credibili e ambiziosi, incoraggiando le aziende a lavorare con dipendenti e stakeholder per ottenere l'accettabilità sociale della transizione.

La politica di engagement si basa su:

una lettera annuale inviata alle aziende presenti nell'universo di riferimento per incoraggiarle a realizzare gli obiettivi di transizione e a dedicare le risorse necessarie ad affrontare i vari aspetti della loro transizione;

engagement continuo con le aziende in portafoglio sui loro obiettivi di transizione;

promuovere la ricerca e la conoscenza del concetto di “Just Transition” presso organizzazioni no-profit, forum internazionali, associazioni di stakeholder e università leader.

In termini di impatto, la strategia riferirà sugli indicatori chiave sopra descritti, e includerà anche l'impronta di carbonio, il punteggio Esg del portafoglio, il punteggio di temperatura e il rating Just Transition.

Jean-Jacques Barberis, head of the Institutional and Corporate Clients division & Esg di Amundi ha commentato: "Nell'ambito dell'Accordo di Parigi, il concetto di una transizione equa è centrale per la trasformazione in economie "ad emissioni zero". Non ci sarà transizione se non sarà socialmente accettabile. La dimensione sociale della transizione diventa quindi sempre più importante per gli investitori. Just Transition for Climate è il primo fondo che offre agli investitori una soluzione unica per misurare e integrare i rischi finanziari associati al cambiamento climatico e utilizzare i loro investimenti per una transizione inclusiva in linea con l'Accordo di Parigi. La metodologia evolverà progressivamente in base al nostro dialogo con le aziende".

Il portafoglio include aziende, tra le quali Engie, selezionate per il loro impegno nel raggiungere obiettivi ambientali e sociali all'altezza delle ambizioni annunciate nell'Accordo di Parigi.

Anne Chassagnette, head of Csr di Engie ha aggiunto: "Da diversi anni Engie è impegnata in un processo per ridurre le sue emissioni di gas serra, in particolare eliminando gradualmente il carbone entro il 2025 in Europa e entro il 2027 nel resto del mondo. Il gruppo ha l'ambizione di attuare una transizione equa, incorporando un requisito importante relativo ad aspetti ambientali e sociali dei progetti come è avvenuto, ad esempio, con la chiusura dello stabilimento di Hazelwood in Australia. Oggi accogliamo con piacere l'inclusione di Engie nella strategia Just Transition for Climate di Amundi, che favorisce una transizione a basse emissioni di carbonio socialmente accettabile.

Il fondo è cogestito dai due Portfolio Manager Alban de Faÿ, Head of Fixed Income Esg investing, e Dany da Fonseca, Credit Portfolio Manager.

Just Transition for Climate è un fondo domiciliato in Francia approvato da Amf (Autorité des Marchés Financiers) e attualmente registrato in Germania, Svizzera, Finlandia, Spagna, Danimarca, Norvegia, Svezia, Austria, Belgio, Lussemburgo, Islanda, Regno Unito e Italia[5]. Fa parte della gamma Fixed Income ESG di Amundi e si colloca tra il fondo Social Bond lanciato di recente e le altre soluzioni Green Bond ampiamente apprezzate (Impact Green Bond, Greco).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo