Quantcast

Risultati

Assoreti: record patrimoniale per le reti, in crescita di oltre il 20%

Molesini: la crescita della ricchezza delle famiglie italiane si fonda su un servizio di consulenza ben strutturato e di qualità

Reti più forti della pandemia: raccolta netta positiva a marzo

Paolo Molesini, nuovo presidente della Fondazione Querini Stampalia di Venezia

L’attività realizzata dalle reti di consulenza nel corso dei primi tre mesi dell’anno si concretizza, secondo quanto risulta a Assoreti, in un nuovo record espresso in termini patrimoniali: a fine marzo la valorizzazione dei prodotti finanziari e dei servizi di investimento, distribuiti dagli intermediari associati tramite i propri consulenti finanziari abilitati all’offerta fuori sede, è pari a 693,6 miliardi di euro, con una crescita del 21,5% a/a e del 3,9% rispetto a fine 2020. Strumenti finanziari, gestioni patrimoniali e prodotti assicurativi/previdenziali rappresentano, nel loro insieme, l’84% del patrimonio, raggiungendo i 582,8 miliardi di euro (+25,3% a/a; +4,3% su dicembre); di questi, 490,4 miliardi sono investiti in prodotti del risparmio gestito (il 70,7% del portafoglio) e 92,4 miliardi in strumenti finanziari amministrati (il 13,3%). Più contenuta la dinamica di crescita che ha coinvolto la liquidità in portafoglio, pari a 110,8 miliardi (+5,1% a/a; +2,1% su dicembre) e con un’incidenza che scende al 16%.

Paolo Molesini, presidente dell’associazione, dichiara: “L’evoluzione del dato patrimoniale in un nuovo massimo storico rispecchia sia la razionalità e la lungimiranza delle scelte di investimento suggerite in questi mesi dai consulenti finanziari ai propri clienti sia la capacità delle associate di Assoreti di gestire tutte le variabili di un periodo straordinariamente complicato. Gli italiani dal canto loro sono sempre più consapevoli dell’importanza di affidarsi ad un servizio di consulenza ben strutturato e di qualità per proteggere e far crescere la propria ricchezza”.

Risparmio gestito

La componente di portafoglio rappresentata dai prodotti del risparmio gestito aumenta del 24,6% rispetto all’anno precedente (+4,3% vs dicembre). La valorizzazione degli OICR, sottoscritti direttamente, risulta pari a 227,1 miliardi di euro, con un incremento del 28,5% a/a e un’incidenza complessiva sul portafoglio pari al 32,7%; la crescita è trainata dalle gestioni collettive aperte domiciliate all’estero, pari 201,3 miliardi (+30,3% a/a). La valorizzazione delle gestioni individuali aumenta del 25,9% a/a e raggiunge i 73,3 miliardi, con un’incidenza in portafoglio del 10,6%; la spinta maggiore arriva dalle GPF (+39,3% a/a), pari a 35,2 miliardi, mentre le GPM salgono a 38,1 miliardi (+15,6% a/a). Il comparto assicurativo/previdenziale vale 190 miliardi di euro, con una crescita del 19,8% a/a e un’incidenza in portafoglio del 27,4%. Le unit linked raggiungono 98,6 miliardi di euro (+25% a/a), i prodotti multi-ramo 30,8 miliardi (+26,6% a/a), le polizze vita tradizionali 44,3 miliardi (+4,3% a/a), mentre la componente prettamente previdenziale sale a 16,3 miliardi (+25,8% a/a).

A fine mese, il contributo complessivo delle reti al patrimonio investito in OICR aperti, attraverso la distribuzione diretta e indiretta di quote, si attesta a 403 miliardi di euro, con un’incidenza del 34,7% sul patrimonio totale investito in fondi (patrimonio gestito pari a 1.160,8 miliardi di euro – dato provvisorio). A fine 2020 l’incidenza era del 33,9%.

Risparmio amministrato

Nell’ambito del risparmio amministrato la componente in titoli aumenta del 29,1% a/a; in evidenza la crescita dei titoli azionari (+57,6% a/a), dei certificate (+58,1% a/a) e degli exchange traded product (+55% a/a), mentre si riduce il controvalore dei titoli obbligazionari (-3,1% a/a).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo