Quantcast

scenari | La Française

Il ruolo delle istituzioni finanziarie nella transizione verso il net zero

"Se il 2020 è stato l'anno dell'impegno net zero, il 2021 sta dimostrando di essere l'anno della promessa da mille miliardi di dollari".  Il commento di Roland Rott

Ambrosetti Am Sim e Nummus.Info, accordo sull'analisi Esg

"Sebbene la maggior parte delle istituzioni finanziarie si concentri sulla fornitura di finanziamenti sostenibili, il focus è inferiore sull'assicurare che la totalità della loro attività sia allineata con le politiche di emissioni zero". Il commento di Roland Rott, head of Esg and sustainable investment research di La Française.  

Ad aprile, il Cdp (precedentemente noto come Carbon Disclosure Project) ha pubblicato un rapporto che riassume i risultati della prima tornata di risposte al suo questionario fatto su misura per il settore dei servizi finanziari.

Il dato principale è che le emissioni di portafoglio delle istituzioni finanziarie globali sono in media oltre 700 volte più grandi delle emissioni operative riportate, e solo il 25% delle istituzioni che comunicano questi dati calcolano e riportano tali emissioni finanziate.

Sebbene sia la prima volta che questa differenza è stata quantificata in modo così netto, queste cifre non sono una sorpresa. È attraverso le persone, le imprese e le attività che scelgono di sostenere commercialmente, che le istituzioni finanziarie hanno il maggiore impatto e sono più esposte ai rischi e alle opportunità legate al clima.

La difficoltà di misurare e gestire queste emissioni finanziate e i rischi e le opportunità corrispondenti è al centro del nostro approccio carbon impact per le istituzioni finanziarie, che abbiamo sviluppato pensando a molti dei temi sollevati in questo rapporto. 

Pertanto, l'elemento chiave che vorremmo sottolineare non sono queste cifre in sé - per quanto sorprendenti possano essere - ma piuttosto il messaggio che "oltre a fornire finanziamenti green, il settore finanziario deve diventare green".

Come sottolineano gli autori del rapporto Cdp, "Sebbene la maggior parte delle istituzioni finanziarie si concentri sulla fornitura di finanziamenti sostenibili, sono meno concentrati nel garantire che l'intero loro business sia allineato con il net zero".

In effetti, questo è vero. Se il 2020 è stato l'anno dell'impegno net zero, il 2021 sta dimostrando di essere l'anno della promessa da mille miliardi di dollari, con alcune delle più grandi banche del mondo che lottano per avere i riflettori puntati addosso per mostrare le loro ambizioni green.

Le banche statunitensi Citi, JP Morgan e Bank of America sono tutte entrate in gioco negli ultimi mesi, annunciando nuovi obiettivi di finanziamento sostenibile a 10 anni, eguagliando e superando quelli delle loro controparti europee negli ultimi anni.

Eppure, allo stesso tempo, evidenziando così nettamente questo disallineamento a cui Cdp si riferiva, la classifica dei finanziamenti di combustibili fossili da parte delle più grandi banche del mondo, compilata ogni anno dal Rainforest Action Network, ha confermato a marzo che le banche globali hanno fornito 750 miliardi di dollari di finanziamenti alle industrie di carbone, petrolio e gas nel 2020. Questo porta il sostegno totale a 3,8 mila miliardi di dollari nei cinque anni dall'accordo di Parigi.

Nonostante l'impatto della pandemia, che ha ridotto la domanda globale e ha portato a una riduzione del 9% circa dei finanziamenti di combustibili fossili in generale, le 60 banche più grandi del mondo hanno comunque aumentato i loro finanziamenti alle 100 aziende maggiormente responsabili dell'espansione dei combustibili fossili di oltre il 10%4.

Questo è in netto contrasto con la revisione totale stabilita dall'Agenzia Internazionale dell'Energia (AIE) nella sua "Roadmap per il settore energetico globale" pubblicata a maggio, che chiede di fermare tutti i nuovi progetti di esplorazione di petrolio e gas a partire da quest'anno, se vogliamo raggiungere l'obiettivo "net-zero" dell'Accordo di Parigi. 5 

Allo stesso modo, un'analisi di Reclaim Finance e Urgewald dei flussi finanziari verso tutte le 934 aziende della Global Coal Exit List ha mostrato che gli investitori istituzionali hanno investito più di mille miliardi di dollari in aziende che operano lungo la catena del valore del carbone termico.

Il rapporto ha mostrato che all'inizio di quest'anno, i due più grandi investitori istituzionali del mondo da soli avevano un'esposizione combinata di 170 miliardi di dollari all'industria del carbone - rappresentando il 17% degli investimenti istituzionali nel carbone globale. 

In definitiva, qualsiasi valutazione dell'impatto del carbonio di una banca o di un asset manager si riduce alla semplice questione di come sta ripulendo o "rendendo più verde" il suo portafoglio, e come mostrano chiaramente queste cifre, deve essere tanto una questione di aumentare l'esposizione all'attività verde, quanto di ridurre l'esposizione all'attività "marrone".

A nostro parere, si tratta soprattutto di spostare attivamente l'ago della bilancia tra i due, sostenendo i clienti nei loro sforzi di transizione attraverso tutte le leve a loro disposizione: impegno attivo, servizi di consulenza, finanza verde, prodotti legati alla sostenibilità, per citarne solo alcuni. 

Saranno sempre i dati più estremi a fare notizia, ma le istituzioni finanziarie e i loro investitori sarebbero saggi a prendere una prospettiva più ampia di quelle prescritte dalle definizioni e dai contesti prevalenti e a sostenere tutti gli sforzi per spostare l'ago della bilancia e facilitare una riduzione delle emissioni del mondo reale.

Per quanto positivo possa essere un irrigidimento della politica sul carbone o un nuovo impegno di finanziamento green, un impegno isolato da una parte o dall'altra - per quanto considerevole - non garantisce da solo l'impatto desiderato nel mondo reale.

Le istituzioni finanziarie che valutiamo più positivamente non sono necessariamente quelle con la più bassa esposizione ai combustibili fossili oggi, o con il più ampio obiettivo di finanziamento green, ma piuttosto quelle che dimostrano una strategia completamente integrata in tutte le operazioni e attività, non solo sforzi distaccati in particolari punti critici del loro business.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo