Quantcast

Mercati

Ciganer (T. Rowe Price), “Giappone, aziende più attraenti con la nuova corporate governance”

Le riforme dell’ex premier Shinzo Abe hanno favorito la crescita delle società nipponiche, divenute più competitive e meglio posizionate per attrarre investimenti internazionali. Secondo lo strategist, il management ha cambiato mentalità e ha abbandonato la linea di bilancio difensiva per concentrarsi sul rendimento agli azionisti

Giappone, aziende liquidissime e banche senza utili

Uno dei risultati più significativi delle "Abenomics" dell'ex primo ministro giapponese Shinzo Abe è stato il miglioramento degli standard di corporate governance delle aziende, che si è rivelato decisivo per accrescerne la redditività e la performance, così come i rendimenti per gli investitori. “Un aspetto chiave dei progressi registrati in Giappone è stata l'introduzione dei codici di stewardship e di corporate governance, rispettivamente nel 2014 e nel 2015 – conferma Archibald Ciganer, gestore del fondo T. Rowe Price Funds SICAV – Japanese Equity - Queste nuove linee guida normative hanno assicurato un contesto concretamente favorevole per l’avanzamento delle aziende giapponesi, una tabella di marcia per diventare più produttive economicamente, competitive a livello globale e meglio posizionate per attrarre investimenti internazionali”.

La recente revisione dello Stewardship Code e del Corporate Governance Code, rispettivamente nel 2020 e nel 2021, costituisce una buona occasione quindi per fare il punto dei progressi fatti e delle prospettive. Come spiega Ciganer, l'attenzione alla riforma del settore corporate è stata cruciale per l'aumento degli utili e della redditività delle aziende nipponiche registrato nell'ultimo decennio. “Assistiamo a un cambiamento nel modo in cui le società giapponesi gestiscono i propri bilanci. Invece di mantenerli difensivi e inefficienti con grandi scorte di liquidità, le aziende stanno impiegando le loro notevoli riserve riacquistando azioni e pagando dividendi più alti”, conferma Ciganer.

Questo focus sul miglioramento dei rendimenti per gli azionisti rappresenta un cambiamento di mentalità significativo, che rende il settore corporate giapponese molto più attraente e investibile rispetto agli anni passati. La qualità delle aziende nipponiche, sia in termini di standard di governance che di rendimento per gli investitori, continua a migliorare rapidamente, colmando il divario con i mercati azionari europei e statunitensi. Negli ultimi cinque anni, per esempio, la redditività del capitale delle aziende giapponesi è quasi raddoppiata. “Crediamo che questi miglioramenti non faranno che aumentare, creando sia rischi che opportunità per le aziende che mantengono il ritmo del cambiamento, o che invece non riescono a tenere il passo. Un approccio di gestione attiva può essere rapido nell'identificare questi potenziali vincitori e vinti e allocare gli investimenti di conseguenza”, conclude Ciganer.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo