Quantcast

Norme europee

Riciclaggio di denaro, Bruxelles propone un nuovo organismo di vigilanza

Cipro, Malta e Estonia sono contrari. Proposto anche un nuovo limite nelle transazioni in contanti: non più di 10mila euro nei Paesi dell’Ue

Riciclaggio di denaro, Bruxelles propone un nuovo organismo di vigilanza

La Commissione europea ha presentato ieri nuove proposte legislative per rafforzare la lotta contro il riciclaggio di denaro sporco nell'Unione europea. È quanto riportato dal Sole 24 Ore. Avendo preso atto che la semplice collaborazione tra autorità nazionali non è sufficiente, l'esecutivo comunitario ha deciso di proporre la nascita di un organismo europeo, dotato di potere di vigilanza sulle istituzioni finanziarie più importanti, anche sulla scia di alcuni recenti scandali finanziari.

«Ogni nuovo scandalo di riciclaggio del denaro è uno scandalo di troppo (…) Abbiamo fatto passi da gigante negli ultimi anni e le nostre norme antiriciclaggio dell’Unione europea sono ora tra le più severe del mondo. Ma devono essere applicate in modo coerente e vigilate da vicino per essere sicuri che funzionino davvero. Ecco perché oggi stiamo compiendo passi coraggiosi per chiudere la porta al riciclaggio di denaro», ha detto il vicepresidente della Commissione Valdis Dombrovskis. Il nuovo ente dovrà preparare un codice di vigilanza in questo campo (relativo anche alle criptovalute); vigilare direttamente sulle istituzioni più esposte; e coordinare il lavoro delle autorità nazionali. Dovrebbe vedere la luce nel 2024 e avere circa 250 dipendenti, di cui 100 dedicati alla vigilanza delle istituzioni più importanti.

C’è anche l'ipotesi di un nuovo limite nelle transazioni in contanti: non più di 10mila euro in tutti i 27 paesi dell'Unione europea. Secondo la documentazione distribuita dalla Commissione europea, i limiti nazionali più bassi potranno restare in vigore. Attualmente in Italia il limite è di 2.000 euro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo