Quantcast

Risultati

Gruppo Prelios: nel primo semestre numeri da record

Il costante miglioramento dei principali indicatori economici e finanziari conferma il trend positivo già registrato nel periodo 2018-2020

Una crescita a doppia cifra:private banking, ora viene il bello

Prelios, tra i maggiori player europei nei settori dell’alternative asset management e dei servizi real estate ad alto valore aggiunto, ha approvato i risultati del primo semestre 2021. Gli eccellenti risultati registrano il costante miglioramento dei principali indicatori economici e finanziari, a conferma del trend positivo già registrato nel periodo 2018-2020, con tre anni di crescita ininterrotta grazie all’aumento delle masse in gestione, alla solidità delle performance, alle scalabilità dei business e alle economie di scala della piattaforma integrata.

Tra i risultati dei primi sei mesi del 2021, raffrontati con il medesimo periodo del 2020, si evidenziano:

Ricavi consolidati pari a 130,5 milioni di euro, in crescita del 16% rispetto ai 112,1 milioni nel 2020;

EBITDA consolidato ex NRI pari a 60,8 milioni, in decisa progressione rispetto ai 51,5 milioni dello stesso periodo del 2020, a conferma del percorso di crescita della redditività e della profittabilità del Gruppo tra i top-tier del mercato;

EBITDA margin consolidato in ulteriore miglioramento dal 45,9% del 2020 al 46,6% del 2021, che pone Prelios tra i top performer di categoria europei; 

Risultato netto consolidato pari a 54,9 milioni, che registra un netto incremento pari a 20,2 milioni rispetto al risultato raggiunto nel corso del primo semestre 2020 (34,7 milioni) e si raffronta con i 68,7 milioni di utile netto conseguiti nell’intero esercizio 2020;

Posizione Finanziaria Netta al 30 giugno 2021 pari a -261,8 milioni con un Net Leverage ratio di 2.3x, in miglioramento rispetto al dato di -282,8 milioni al 31 dicembre 2020;

Asset under Management a 37,2 miliardi, in linea con il dato a dicembre 2020, suddivisi in 30,4 gestiti dal Credit Servicing (NPE) e 6,7 dall’Investment Management. Lo stock in gestione ha beneficiato del contributo di nuove masse nel semestre per circa 1,9 miliardi, a fronte dell’impatto delle attività di collection e cessioni degli NPL in gestione, che hanno generato maggiori incassi rispetto alle previsioni.

Il Ceo del gruppo Prelios Riccardo Serrini, ha così commentato: “L’utile netto di 55 milioni conseguito nei primi sei mesi dell’anno, se raffrontato ai 69 milioni realizzati nell’intero 2020, riflette la costante, forte crescita del Gruppo e avvalora la nostra strategia. Alta marginalità, crescita costante di tutti i principali indicatori ed elevata e solida creazione di cassa sono il risultato di un grande lavoro di squadra e di una cultura aziendale improntata a collaborazione e focalizzazione. Il Gruppo Prelios continuerà a crescere, non soltanto in via organica come avvenuto negli ultimi anni, ma anche per linee esterne, come dimostra la recente acquisizione da Business Support del ramo d’azienda loan & facility agency e monitoring, con la successiva costituzione di Prelios Credit Agent”.

Le previsioni per il 2021, confermate dalle positive performance dell’Alternative Asset Management e dei Real Estate Services realizzate al 30 giugno 2021, evidenziano la prospettiva di una solida performance anche per il secondo semestre, che consentirà di proseguire nell’ulteriore rafforzamento della presenza nel mercato della gestione dei distressed asset in una logica integrata, che copra l’intera filiera immobiliare e del credito.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo