Quantcast

scenari | generali investments

Gli asset rischiosi hanno ancora spazio per crescere, rendimenti in risalita

"Mentre gli spread risultano già stretti, una persistente ricerca di rendimento, la riduzione dei tassi d'insolvenza e il continuo sostegno politico della Bce fanno ben sperare". Il commento di Thomas Hempell

Una crescita a doppia cifra:private banking, ora viene il bello

"Gli indicatori di crescita poco incoraggianti e l’attuale fase più matura del ciclo potrebbero preannunciare una maggiore volatilità e più frequenti battute d'arresto per gli asset rischiosi. Ma con gli investitori che hanno già ridimensionato l’ottimismo e con l'espansione globale ancora forte, manteniamo un orientamento pro-rischio nelle nostre raccomandazioni tattiche". Il commento di Thomas Hempell, head of macro & market research di Generali I.

Gli utili aziendali ad oggi sono ancora rassicuranti. Rendimenti reali in calo (di nuovo sotto il -1% a 10 anni per gli Usa) sostengono le valutazioni, con i premi per il rischo azionario che appaiono ancora favorevoli. Il credito è destinato ad estendere la sua comprovata resilienza per tutto l’anno.

Mentre gli spread risultano già stretti, una persistente ricerca di rendimento, la riduzione dei tassi d'insolvenza e il continuo sostegno politico della Bce fanno ben sperare. Restiamo tuttavia più cauti sul segmento High Yield, che risulta essere più rischioso, soprattutto nel mercato Usa tra l'incombente tapering Fed e una ripresa dell'attività di M&A.

I rendimenti core sono orientati al rialzo, tra una crescita superiore al potenziale e le persistenti preoccupazioni per l'inflazione negli Stati Uniti. Tuttavia, l'incombente confronto al Congresso Usa circa l'innalzamento del tetto del debito potrebbe richiedere al Tesoro di attingere ulteriormente ai suoi conti presso la Fed, invece di emettere obbligazioni.

Qualsiasi aumento più netto dei rendimenti potrebbe anche rivelarsi controproducente, considerando la maggiore fragilità della ripresa, le preoccupazioni sulla sostenibilità del debito e i potenziali maggiori impatti sul risk sentiment e sulle condizioni finanziarie. Preferiamo quindi mantenere una posizione moderatamente corta rispetto alla duration obbligazionaria. 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo