Quantcast

scenari | amundi

Cina: i tre pilastri per conseguire una prosperità comune

"Il secondo pilastro riguarda la diffusione della ricchezza, con un aumento della quota del reddito medio attraverso la redistribuzione del gettito fiscale". Il commento di Monica Defend e Alessia Berardi

Cina, la locomotiva tornerà a correre

"Per costruire un grande Paese socialista moderno entro il 2049, la Cina ha individuato numerosi pilastri, e la crescita del Pil continua a rimanere un obiettivo importante". Il commento di commento di Monica Defend (global head of research) e Alessia Berardi (head of emerging macro and strategy research)  di Amundi

La Cina intende raddoppiare il Pil entro il 2035 rispetto al 2021: ciò implica che il tasso di crescita del Pil annuo diventerà progressivamente più basso nei prossimi vent’anni, passando dal 5,5% annuo al 4% annuo. Spostarsi verso una crescita di maggiore qualità significa investire nel capitale umano, con una popolazione che, secondo le stime Amundi, raggiungerà il picco nel 2026.

Il secondo pilastro riguarda la diffusione della ricchezza, con un aumento della quota del reddito medio attraverso la redistribuzione del gettito fiscale, una riduzione degli squilibri urbani-rurali e regionali e un rafforzamento delle normative (antimonopolio, anticorruzione).

In terzo luogo, per sviluppare un meccanismo di credito più efficiente e un mercato finanziario aperto è indispensabile disinnescare i rischi finanziari. I primi passi sono già visibili nel numero crescente di default: le grandi imprese statali stanno facendo notizia su tutti i media e stanno mettendo a dura prova l’agenda di derisking finanziario.  Il modo in cui Pechino gestirà le aziende statali in grave difficoltà, dove il rischio finanziario potrebbe arrivare a livelli sistemici, rivelerà il reale impegno del governo nei confronti della sua agenda e la sua tolleranza al rischio.

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo