Quantcast

Sostenibilità

Nn Ip: il mercato green bond spagnolo è di alta qualità

Lanciata la prima emissione sovrana verde per un importo di 5 miliardi di euro e una scadenza di 20 anni

Lyxor quota in Borsa Italiana un fondo Etf sui green bond

In risposta all'Accordo di Parigi e alla politica energetica e climatica dell'Unione europea (UE), la Spagna ha presentato il suo quadro strategico per l'energia e il clima all'inizio del 2020. Uno degli elementi chiave del quadro è il piano nazionale integrato per l'energia e il clima per il periodo 2021-2030, che stabilisce una tabella di marcia di decarbonizzazione per ridurre le emissioni di gas serra (GHG) del 23% entro il 2030 rispetto ai livelli del 1990 e, infine, per raggiungere la neutralità delle emissioni di GHG entro il 2050. Ieri, il Tesoro spagnolo ha lanciato un programma di Green Bond, destinato a fornire una guida per incoraggiare altri enti pubblici e privati nazionali a partecipare a questo mercato. 

Questa emissione inaugurale è stata finanziata tramite sindacato con una dimensione di 5 miliardi di euro e una scadenza di 20 anni. Come la Germania, anche la Spagna intende costruire una curva di rendimento verde. Prima di emettere una seconda obbligazione verde con una scadenza diversa, il Tesoro spagnolo sfrutterà questa obbligazione verde inaugurale fino a raggiungere circa 12-15 miliardi di euro, in modo che sia paragonabile alle normali emissioni sovrane non verdi della Spagna e possa fornire agli investitori una liquidità sufficiente.

Bram Bos, Lead Portfolio Manager, Green Bonds, NN Investment Partners: "Il mercato green bond della Spagna rappresentava già il 3% del mercato globale dei green bond e questa emissione sovrana dimostra che la Spagna è sulla strada giusta per essere climaticamente neutrale entro il 2050, come da loro piano.

"Abbiamo sempre visto il mercato spagnolo dei green bond come credibile e la Green Bond Assessment Methodology di NN IP mostra che solo il 9% dei green bond emessi da entità spagnole sono stati respinti per possibili investimenti, rispetto al 24% circa dell'universo globale dei green bond. Questo illustra l'alta qualità comparativa del mercato spagnolo dei green bond".

Il Green Bond Framework spagnolo ha incluso sette categorie verdi ammissibili, che sono l'energia rinnovabile, il trasporto pulito, la gestione sostenibile dell'acqua e delle acque reflue, l'efficienza energetica, la protezione e il ripristino della biodiversità e la gestione sostenibile delle risorse naturali, la prevenzione e il controllo dell'inquinamento e l'economia circolare e l'adattamento al cambiamento climatico. Sulla base di queste categorie, il Tesoro spagnolo ha identificato un importo di 13,6 miliardi di euro di spese verdi del governo centrale nel periodo 2018-2021 per sostenere questa emissione.

Il Piano nazionale spagnolo per l'energia e il clima 2021-2030 propone misure di efficienza energetica nel settore dei trasporti per promuovere il trasferimento di merci e passeggeri dalla strada alla ferrovia ed elettrificare la rete ferroviaria. Il programma di obbligazioni verdi della Spagna, lanciato di recente, è ben posizionato per facilitare questa transizione e contribuire ad affrontare il più grande settore emissivo del paese, con la più grande allocazione (71%) verso il trasporto pulito e più specificamente, il 62% verso il settore ferroviario.

Unicamente, il quadro dei green bond della Spagna si concentra sull'adattamento al cambiamento climatico e sui progetti derivati dal Piano nazionale di adattamento al cambiamento climatico. Oltre alla categoria dell'adattamento al cambiamento climatico, la Spagna ha anche incorporato componenti di adattamento nelle categorie dell'acqua, della biodiversità e dell'inquinamento. Il programma di recupero post-incendio è stato istituito per finanziare le attività che combattono le conseguenze dei grandi incendi boschivi. C'è stata una media di sei grandi incendi all'anno in Spagna negli ultimi 20 anni. Questo programma aiuta a ridurre l'erosione e a favorire il recupero della vegetazione forestale naturale.

Kaili Mao, analista di obbligazioni verdi, NN IP: "L'emissione inaugurale di obbligazioni verdi della Spagna si spera influenzerà altri emittenti sovrani a includere progetti di adattamento. Oltre a dimostrare che tali progetti possono ridurre materialmente i rischi climatici fisici che possono colpire un bene o un'attività, ci aspettiamo anche che gli emittenti valutino l'impronta di carbonio dei progetti in modo che una valutazione del trade-off di mitigazione possa essere messa a disposizione degli investitori. Idealmente, questa valutazione dovrebbe mostrare che i benefici di adattamento e resilienza dei progetti superano considerevolmente l'impronta di carbonio associata. Il Tesoro spagnolo ci ha indicato che hanno incluso questa valutazione nella selezione dei progetti per l'adattamento, il che ci fa piacere".

La Spagna è la prima entità sovrana ad emettere un'obbligazione verde nella seconda metà del 2021 ed è l'undicesimo stato membro dell'Unione Europea ad aderire al mercato delle obbligazioni verdi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo