Quantcast

scenari | Swisscanto Invest

Corporate hybrid: rendimenti attrattivi da emittenti di elevato standing

Il commento di Nella struttura del capitale degli emittenti, le obbligazioni societarie ibride sono subordinate rispetto ad altri debiti e hanno priorità rispetto al capitale azionario  Hagen Fuchs e Daniele Paglia

Covid-19 diffonde il contagio e... i social bond

Segnali della crescente importanza dei bond sociali vengono dalle banche, specialmente da quelle dei Paesi più colpiti dalla pandemia

"Le obbligazioni societarie ibride sono obbligazioni subordinate emesse da società non finanziarie di elevato standing". Il commento di Hagen Fuchs, Portfolio Manager nel team Credit Fixed Income di Swisscanto Invest, e Daniele Paglia, senior portfolio Manager di Swisscanto Invest e fund manager del fondo Swisscanto Bond Fund Responsible Corporate Hybrid.

Poiché queste obbligazioni possono essere parzialmente considerate come capitale azionario dalle agenzie di rating, gli emittenti rafforzano la loro solvibilità mediante il capitale ibrido.

Nella struttura del capitale degli emittenti, le obbligazioni societarie ibride sono subordinate rispetto ad altri debiti e hanno priorità rispetto al capitale azionario. L'interessante profilo di rischio/rendimento ha permesso alla classe d'investimento di registrare una rapida crescita.  

In caso di fallimento, gli investitori di queste obbligazioni verrebbero rimborsati solo dopo gli altri creditori. A differenza dei titoli di debito senior, le obbligazioni ibride hanno un rating inferiore di circa due livelli a causa della subordinazione. In cambio, i rendimenti delle obbligazioni ibride sono più elevati rispetto ai titoli di debito senior.  

Struttura tipica di un'obbligazione societaria ibrida 

Le obbligazioni societarie ibride hanno una durata residua molto lunga o infinita (perpetual), ma di norma hanno un primo termine di rimborso dopo 5-10 anni (Call Date). La cedola è fissata fino alla prima data di rimborso; dopo tale data, eventualmente, vengono fissati di nuovo gli interessi di base e il premio per il rischio di credito. 

Secondo la convenzione di mercato, le obbligazioni societarie ibride vengono prezzate alla prima possibile data di call. Questo perché gli emittenti hanno un grande incentivo a rimborsare le obbligazioni alla prima data di rimborso: se un emittente non riscatta le obbligazioni ibride alla prima data di call, il prestito obbligazionario perde la proprietà di ammissibilità a capitale azionario, ad esempio presso l'agenzia di rating S&P. Dal punto di vista dell'emittente, l'obbligazione ibrida diventa quindi un'obbligazione senior molto costosa. 

Le obbligazioni societarie ibride non sono strumenti Bail-In, come ad esempio i CoCo Bond (obbligazioni convertibili contingenti), pertanto non sono soggette ad alcuna conversione automatica o stabilita dall'autorità di regolamentazione. 

 Forte crescita e stabilità anche durante le fasi di crisi 

Negli ultimi anni, il mercato delle obbligazioni societarie ibride è cresciuto notevolmente e si è trasformato in un comparto d'investimento maturo, in cui è possibile investire in modo diversificato. Negli ultimi 10 anni, il mercato delle obbligazioni societarie ibride si è sestuplicato. L'attuale dimensione del mercato, considerando i prestiti obbligazionari in circolazione, pari a 188 miliardi di dollari USA, corrisponde a circa 2/3 del mercato delle obbligazioni ibride contingenti convertibili. Gli investitori possono attualmente scegliere tra 180 obbligazioni di 81 emittenti prestigiosi. 

 Emittenti sul mercato delle obbligazioni societarie ibride 

 

Durante le turbolenze causate dalla pandemia di Coronavirus nel primo trimestre 2020, il mercato è stato sottoposto a un primo estremo stress test, superato brillantemente. Nonostante l'elevata volatilità dei mercati, le obbligazioni societarie ibride sono sempre state negoziabili in modo liquido e con prezzi razionali. Il loro andamento è stato nettamente migliore rispetto alle obbligazioni high yield e a quelle dei mercati emergenti. 

 Green bond, criteri Esg e riduzione delle emissioni di CO2 

 

Anche dal punto di vista della sostenibilità, l'universo delle obbligazioni societarie ibride può ostentare alcuni vantaggi: già oltre il 10% del volume di emissioni delle obbligazioni societarie ibride è costituito da obbligazioni "green" ossia obbligazioni che servono a reperire capitale per attività a favore dell'ambiente e della tutela del clima. La tendenza è in aumento. Per fare un paragone, nel mercato globale delle obbligazioni societarie, la quota di obbligazioni green è attualmente inferiore al 2%. 

Inoltre, gli emittenti di obbligazioni societarie ibride presentano, oltre a un'intensità di CO2 nettamente inferiore rispetto alla media globale, anche rating ESG nettamente migliori. 

 Categoria d'investimento con un interessante profilo rischio/rendimento  

Gli investitori vengono risarciti con un supplemento di rendimento per i rischi specifici delle obbligazioni ibride. In questo modo, storicamente, esse hanno un livello di rendimenti simile alle obbligazioni senior di emittenti high yield, come illustrato nella Figura 2, pur essendo emesse da emittenti con rating investment grade. 

Nota bene: il rischio d'insolvenza di un'obbligazione senior e di un'obbligazione ibrida dello stesso emittente è identico. Nell'eventualità di un default, tuttavia, la perdita prevista è più elevata per le obbligazioni ibride rispetto a quelle senior (a causa della subordinazione). 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo