Quantcast

scenari | franklin templeton

L'effetto delle elezioni federali in Germania sui mercati 

"Olaf Scholz, l'attuale ministro delle finanze, non ha condotto una campagna entusiasmante ma ha evitato errori importanti, anche negli dibattiti pubblici tra i candidati principali". Intervista a Andreas Billmeier

Olaf Scholz, ministro delle finanze tedesco

Olaf Scholz, ministro delle finanze tedesco

Intervista a Andreas Billmeier, European economist di Western Asset (parte di Franklin Templeton)

1. Stavi osservando le elezioni dal Regno Unito, cosa ti colpisce per quanto riguarda la campagna elettorale? E chi ha avuto la campagna più forte secondo te?

Olaf Scholz, l'attuale ministro delle finanze, non ha condotto una campagna entusiasmante ma ha evitato errori importanti, anche negli dibattiti pubblici tra i candidati principali. In questo senso, probabilmente ha condotto la migliore campagna. Alla fine, la SPD è il vincitore di queste elezioni. 

2. La coalizione tripartita sarà probabilmente lo standard in futuro: un peso o piuttosto un'opportunità per la democrazia e l'economia?

Per ora, l'implicazione principale è che il periodo storico di cancellieri longevi in Germania è finito: il paese ha avuto solo 3 cancellieri negli ultimi 40 anni a causa della stabilità fornita da una coalizione bipartitica. Ciò potrebbe fornire più "aria fresca" ma potrebbe anche ridurre il peso politico della Germania nelle sedi internazionali.

3. Quali ritiene siano i compiti più urgenti per il nuovo governo federale? (ad es. riforma delle pensioni, riforma fiscale, riforma della previdenza)?

Molti compiti urgenti scaturiranno da come il nuovo governo vuole affrontare la sfida generazionale del cambiamento climatico. Questo può essere fatto tramite strumenti di mercato o in modo più interventista, a seconda di quale partito riesce ad avere il maggiore impatto sul trattato di coalizione.

Detto questo, ci sono sfide a lungo termine che sono in qualche modo indipendenti dal cambiamento climatico: digitalizzazione, mancanza di alloggi a prezzi accessibili nelle grandi città, un mercato del lavoro che crea prevalentemente posti di lavoro nel settore a basso salario, ecc. 

4. In che modo il nuovo governo federale dovrebbe affrontare l'attuale carenza di lavoratori qualificati? Immigrazione? Formazione scolastica? Digitalizzazione? Maggiore integrazione con il mercato del lavoro dell'UE?

Crediamo che un approccio su più fronti sia il migliore per risolvere una carenza di lavoratori qualificati. Con il mercato del lavoro dell'UE completamente aperto, i maggiori fattori limitanti sono le competenze linguistiche e il livello di retribuzione. Anche l'istruzione ha ovviamente un ruolo da svolgere, ma avrà un impatto solo a lungo termine. L'immigrazione extra-UE è un argomento delicato dato quello che è successo in Germania nel 2015/16 e non aiuterebbe a risolvere un problema nella parte altamente qualificata del mercato del lavoro. 

5 Cosa dovrebbe fare il nuovo governo federale per rendere la Germania più attraente come piazza economica e finanziaria?

Riteniamo che gli elementi principali di un ambiente competitivo siano una migliore integrazione digitale e un sistema normativo semplificato e processi burocratici più rapidi. Riteniamo che il livello di tassazione sia un problema minore nell'attirare le imprese se questi altri problemi vengono risolti.

6. Cosa potrebbero significare i risultati elettorali per la spesa pubblica e il bilancio nazionale?

Riteniamo che l'approccio conservativo generale nei confronti della spesa e dell'accumulo di debito – come riflesso nel “freno all'indebitamento” statale – si sia leggermente attenuato rispetto al periodo pre-pandemia. Detto questo, il risultato implica la necessità di integrare i partiti di entrambi i lati dello spettro politico – al contrario di una chiara maggioranza di sinistra – e quindi riduce il rischio di un'imminente svendita nei mercati obbligazionari tedeschi.

A lungo termine, tuttavia, riteniamo che i tassi di interesse in Germania e altrove in Europa aumenteranno, anche perché consentire una dotazione di spesa più elevata è il modo migliore per accogliere più parti nei negoziati di coalizione. Notiamo anche, tuttavia, che è improbabile che le regole fiscali tedesche vengano completamente eliminate, ma saranno affrontate con una certa "creatività" per ammorbidire il vincolo. 

7. Quali settori potrebbero trarre vantaggio in futuro, ipotizzando la partecipazione del governo verde? questo renderebbe i mercati più interessanti per gli investitori?

Tutti i grandi partiti hanno approvato il cambiamento climatico come argomento chiave, la domanda è come affrontarlo e il livello di ambizione. Una partecipazione di governo da parte dei Verdi implicherebbe una posizione più aggressiva e interventista su quel fronte, ma questo è ovviamente oggetto di trattative, soprattutto con l'FDP – partito di tradizione ordoliberale tedesca che preferirebbe meccanismi di mercato per risolvere la questione piuttosto che un stato più forte. Saremo in grado di trarre maggiori conclusioni sulle prospettive delle prestazioni settoriali man mano che le discussioni procedono.

8. Perché finora i mercati non sono stati così impressionati dalle elezioni? Sarà per via della campagna elettorale, che si è concentrata più sui curricula e meno sul dibattito politico su temi urgenti?

Si potrebbe sostenere che i mercati del reddito fisso siano stati venduti qualche tempo fa a causa del mutato panorama politico, ma è difficile districare questa visione dalla stretta correlazione con altri importanti mercati del reddito fisso. Oggi, riteniamo che la reazione positiva del mercato sia in gran parte dovuta al fatto che, dato il risultato elettorale, non sono possibili coalizioni più aggressive e incentrate sulla spesa. 

9. Lunghi negoziati di coalizione avrebbero effetti negativi? Se sì, quali sono?

Di solito ci vogliono 2-3 mesi per formare un governo dopo le elezioni tedesche. Un'eccezione recente è il periodo post-elettorale di 4 anni fa, quando l'FDP si è ritirato dai negoziati in una fase avanzata e la formazione è stata trascinata nel nuovo anno. Mentre l'ostacolo è molto alto per qualsiasi parte uscire dai negoziati di coalizione in una fase avanzata questa volta, non può essere escluso.

Con il Bundestag tenuto a tornare al lavoro entro 1 mese dalle elezioni, il cancelliere Merkel guiderà un governo provvisorio che non prenderà decisioni politiche importanti. A parte l'inerzia delle politiche e la potenziale impazienza del mercato, ci sono rischi interni molto limitati per negoziati prolungati. Detto questo, la Germania assumerà la presidenza del G7 il 1° gennaio 2022 e, sebbene la Merkel sia una leader di alto livello in quell'ambiente, è anche un po' una cancelliera zoppa, ovviamente in un momento in cui il G7 deve affrontare temi importanti, tra cui cambiamento climatico.

10. Le riunioni della BCE sono ora più importanti delle elezioni federali?

Nel complesso, probabilmente no. Mentre alcune riunioni della BCE attirano ovviamente molta attenzione, il compito di stabilizzazione ciclica di una banca centrale corrisponde a un orizzonte temporale relativamente più breve rispetto alla formazione di un governo con importanti scelte di politica a lungo termine in gioco, soprattutto quando c'è un cambiamento nella politica personale. Alla fine, i responsabili delle politiche monetarie e fiscali devono lavorare insieme per affrontare i problemi di oggi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo