Quantcast

Accordi

Sbi, Sygnum e Azimut lanciano un fondo di venture capital per asset digitali

Il fondo si concentrerà principalmente su società che sviluppano infrastrutture per Distributed Ledger Technology, soluzioni di finanza decentralizzata e tecnologie per semplificare e facilitare l’adozione e la compliance con la regolamentazione (reg-tech)

BLOCKCHAIN: APOCALITTICI VS INTEGRATI

Il Gruppo SBI, Sygnum e il Gruppo Azimut hanno annunciato oggi il lancio di un fondo di venture capital con una dotazione fino a 75 milioni di dollari, con sede a Singapore, che investirà in start-up del settore degli asset digitali.

Il nuovo fondo, costituito come una Società a Capitale Variabile, riunisce l'esperienza in asset digitali e la leadership dei tre soci fondatori per accelerare la crescita delle aziende più promettenti del settore, fornendo agli investitori qualificati un accesso senza eguali alla digital asset economy in costante crescita.

Con SBI Ven Capital come gestore principale, la strategia di investimento del fondo si concentrerà principalmente sulle società pre-serie A e serie A che sviluppano infrastrutture blockchain/distributed ledger technology (DLT), soluzioni di finanza decentralizzata (DeFi) e strumenti reg-tech. Queste aree di interesse riflettono i temi di investimento emersi nella digital asset economy: 

1. Le ultime innovazioni negli ecosistemi degli asset digitali svolgeranno un ruolo chiave in futuro in un'ampia varietà di settori; 

2. L’opportunità di mercato degli asset digitali e dei titoli tokenizzati è destinata a crescere in modo significativo; secondo stime fino al 10% del PIL globale verrà denominato e custodiato utilizzando l'infrastruttura DLT entro il 20271; 

3. La domanda di strumenti reg-tech da parte dei fornitori di servizi di asset digitali e dei clienti aumenterà in modo significativo, dal momento che le autorità stanno rafforzando sempre più la loro supervisione su questo settore.

Il fondo trae vantaggio dai significativi afflussi di capitale di rischio nel settore, che ammontano al 6% di tutti i finanziamenti di capitale di rischio globali da inizio anno, in aumento rispetto a poco più dell'1% dell'anno scorso in questo periodo2. Nel primo semestre del 2021 sono stati effettuati oltre 17 miliardi di dollari di investimenti in società blockchain/DLT e criptovalute a livello globale3 - più di cinque volte quella del 2019 - con il numero di operazioni di venture capital legate alla blockchain in Europa e negli Stati Uniti che hanno registrato il tasso di crescita più elevato tra tutte le operazioni riguardanti la tecnologia concluse in questi mercati4. Sette dei 10 più grandi round di finanziamento di blockchain/DLT e criptovalute di tutti i tempi si sono chiusi quest'anno5, a evidenza della crescita esponenziale che questo settore ha intrapreso.

Il CEO e amministratore delegato di SBI Ven Capital (SBIVC), Ryosuke Hayashi, ha dichiarato: "DLT e gli asset digitali sono sempre più vicini all’uso comune e hanno il potenziale per ridurre le inefficienze e sbloccare nuove capacità in diversi settori, come quello dei servizi finanziari e gestione della filiera. In questo contesto, siamo entusiasti di lanciare questo fondo incentrato sul venture capital con i nostri partner, Sygnum e Azimut. Il fondo ci permette di portare la nostra esperienza e il nostro network nel settore per accelerare la crescita di promettenti società di asset digitali e per plasmare il futuro dei servizi finanziari".

Il co-fondatore e CEO di Singapore di Sygnum, Gerald Goh, ha dichiarato: “Stiamo assistendo a diverse soluzioni innovative che emergono dalle società di asset digitali, in particolare nelle applicazioni decentralizzate, nella reg-tech, negli scambi digitali e nella tokenizzazione. Queste soluzioni hanno il potenziale per facilitare la trasmissione affidabile e sicura di informazioni e valore, consentire alle aziende di accedere a bacini di capitale non sfruttati a costi inferiori e democratizzare l'inclusione finanziaria. Attraverso questo fondo, siamo entusiasti di riunire investitori e imprenditori che la pensano allo stesso modo per portare insieme queste soluzioni sul mercato".

Il Co-CEO e Global Head of Asset Management del Gruppo Azimut, Giorgio Medda, ha dichiarato: “La tecnologia blockchain è destinata a rimodellare l'ecosistema dell’asset management consentendo nuove soluzioni e strumenti finanziari in un'ampia gamma di applicazioni che hanno il potenziale di ridefinire i modelli di interazione tra clienti e fornitori di servizi. Per questo siamo molto lieti della partnership stretta con SBI Group e Sygnum per il lancio di questo nuovo ed entusiasmante fondo, che fornirà ai portafogli dei clienti l'esposizione a questa nuova tecnologia, pur rimanendo diversificati tra mercati privati e opportunità di investimento globali”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo