Quantcast

scenari | Allianz GI

Anche se nel 2022 l’espansione dei bilanci delle banche centrali rallenterà, non si intravvede ancora il picco

"In che direzione va l’economia? Che cosa dobbiamo attenderci sul fronte dell’inflazione? Quale ruolo ha la politica monetaria?". Il commento di Hans-Jörg Naumer

Famiglie, impennata della domanda di prestiti a settembre

"Dopo 13 mesi di rialzo ininterrotto, il nostro indicatore proprietario sul contesto macroeconomico ha registrato la seconda flessione consecutiva. In Cina e negli Stati Uniti il livello di picco nell’espansione economica sembra ormai superato, mentre Eurozona e Giappone (benché più esitante) sono prossimi al suo raggiungimento". Il commento di Hans-Jörg Naumer, director, global capital markets & thematic research di Allianz GI.

Non è ancora certo che l’aumento dell’inflazione sia solo un fenomeno temporaneo, come ritiene la maggior parte degli investitori. Di sicuro i prezzi sono influenzati da effetti base e congiunturali che non dovrebbero perdurare a lungo. Anche il prezzo del petrolio sembra al momento eccessivo, ma alcuni sviluppi lasciano presumere che in futuro i prezzi si manterranno elevati. Il rincaro delle abitazioni dovrebbe far salire anche i canoni di affitto.

Il rallentamento della globalizzazione, causato ad esempio dallo sconvolgimento delle filiere, e i cambiamenti demografici, per cui in futuro le persone che usciranno dal mercato del lavoro saranno più numerose di quelle che vi entrano, avranno certamente delle conseguenze su questo fronte. Last but not least: le politiche monetarie più accomodanti alimentano la liquidità in eccesso, che prima o poi in qualche modo verrà impiegata.

Anche se probabilmente nel 2022 l’espansione dei bilanci delle banche centrali rallenterà, ancora non si intravvede un livello di picco dopo le politiche monetarie anti-Covid-19. Le iniezioni di liquidità delle autorità monetarie diminuiranno molto gradualmente e in modo non uniforme.

La Federal Reserve USA dovrebbe essere la prima tra le principali banche centrali ad annunciare la riduzione degli acquisti di asset a novembre. Entro la prossima estate tali misure saranno verosimilmente eliminate del tutto. Gli acquisti di obbligazioni dovrebbero avere termine prima che si possa procedere al primo inasprimento dei tassi.

 La Banca Centrale Europea sembra invece restia a porre fine alla linea accomodante e il rialzo dei tassi è ancora un’ipotesi remota. Di fatto è stata decisa solo una modesta riduzione degli acquisti di obbligazioni nell’ambito del PEPP, il programma di acquisto di asset legato all’emergenza pandemica. Per ulteriori decisioni occorrerà aspettare fino a dicembre. Dalla Bank of Japan non si attende invece alcuna modifica della politica monetaria.

La Covid-19 resta la prima causa di morte in tutto il mondo, nonostante le profonde differenze fra un Paese e l’altro. La diffusione della variante Delta dovrebbe tuttavia avvicinarsi al picco. Di conseguenza anche i decessi dovrebbero lentamente diminuire.
 

Nel complesso la “prova dei fatti” lascia presumere un aumento del nervosismo sui mercati finanziari nelle prossime settimane, anche se l’ago della bilancia è tuttora rappresentato dalla liquidità in cerca di rendimento.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo