Quantcast

Scenari | La Financière de l’Echiquier

Banche centrali: le colombe stanno temporeggiando

«Il rischio è che finiscano per essere behind the curve, e quindi in ritardo rispetto alla dinamica della crescita e dell'inflazione, con decisioni prese potenzialmente nel momento sbagliato». Il commento di Enguerrand Artaz

Banche centrali: le colombe stanno temporeggiando

La ripresa economica è forte, le pressioni inflazionistiche si fanno sentire e le politiche monetarie accomodanti si avvicinano alla fine. Le banche centrali non potevano più aspettare: chiamate a prendere delle decisioni, nel corso della settimana si sono susseguite nelle rispettive dichiarazioni.

A partire dalla Banca Centrale Europea, con Christine Lagarde che è tornata sul contenuto della sua precedente conferenza stampa – piuttosto criticata –  in cui aveva lasciato intendere che un rialzo dei tassi sarebbe stato possibile a partire dall'estate del 2022. Per placare l'ardore dei mercati, la presidente della Bce ha dichiarato che sarà altamente improbabile che ci siano le condizioni per un aumento dei tassi nel 2022, dato che le prospettive di inflazione a medio termine rimangono per ora moderate.

Lo stesso giorno, il suo omologo americano Jerome Powell dava l’annuncio dell'inizio del tapering, ricordando però che il via alla riduzione degli acquisti è scollegato da un eventuale rialzo dei tassi. «Stando al presidente del Board of Governors», commenta Enguerrand Artaz, gestore di La Financière de l’Echiquier, «la Federal Reserve dimostrerà di essere paziente prima di considerare una qualsiasi mossa sui tassi ufficiali. Si può quindi leggere tra le righe che il margine di manovra che la banca centrale si concede in merito al ritmo del tapering significa che, se dovrà inasprire la politica monetaria, inizierà con un incremento del ritmo di riduzione degli acquisti prima di intervenire sui tassi».

Il giorno dopo è toccato alla Banca d'Inghilterra, con l’annuncio di un sorprendente status quo, visto che la maggior parte degli osservatori si aspettava un rialzo del tasso ufficiale. Alla luce delle ultime dichiarazioni di Andrew Bailey la decisione è sorprendente, ed è stata accompagnata da un discorso piuttosto accomodante. In effetti, il comitato di politica monetaria ha segnalato il rischio di un rallentamento del momentum macroeconomico, e alcune incertezze inerenti la normalizzazione del mercato del lavoro.

«Questa controffensiva delle “colombe” – termine usato per designare quei banchieri centrali a favore di una politica accomodante – potrebbe tuttavia assumere le sembianze di un ultimo tentativo disperato», spiega l’esperto. «Dopo aver temporeggiato, la Banca d'Inghilterra dovrebbe comunque alzare i tassi molto presto. Sembra sempre più certo che la Fed farà altrettanto nel 2022. La Banca Centrale Europea, sulla quale si esercita una pressione inferiore rispetto alle altre due, dovrà però decidere sul futuro dei suoi programmi di acquisto, a partire dal Pandemic Emergency Purchase Programme (Pepp), in scadenza nel marzo 2022».

In realtà, i banchieri centrali hanno cercato soprattutto di guadagnare tempo e di lasciare aperte più porte possibili per evitare una reazione eccessiva, il cui impatto sarebbe troppo negativo sull'economia. «Il rischio», nota Artaz, «è che finiscano per essere behind the curve, e quindi in ritardo rispetto alla dinamica della crescita e dell'inflazione, con decisioni prese potenzialmente nel momento sbagliato. Per ora, i mercati vedono questo rischio con favore, come dimostra il nuovo aumento degli indici azionari. Ma qualsiasi dato forte sul mercato del lavoro o sull'inflazione renderà più difficile la comunicazione delle banche centrali, che si stanno già muovendo su un crinale davvero sottile».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo