Quantcast

Pagamenti digitali

Axepta Italia entra a far parte di Worldline

Worldline completa così la partnership strategica con BNL nel merchant acquiring in Italia

Google è pronta a lanciare la sua prima carta di debito

Worldline, leader europeo nel settore dei pagamenti e dei servizi transazionali, 4° player mondiale, ha annunciato il completamento dell’acquisizione di Axepta Italia. Dal 4 gennaio, Worldline rileva l’80% di Axepta Italia, società di acquiring di BNL (gruppo BNP Paribas). La partnership rappresenta un significativo passo avanti nella strategia di Worldline per accrescere la propria dimensione e la presenza diretta in un numero crescente di paesi in stretta collaborazione con le primarie banche locali.

Grazie a questa joint-venture, Worldline espande significativamente la sua presenza nei servizi dedicati ai merchant nel mercato italiano, in continua crescita, grazie alla costante diffusione dei pagamenti elettronici. Axepta Italia è uno dei maggiori acquirer italiani, con circa 200 milioni annui di transazioni di acquiring (quota di mercato di circa il 5% in MSV) con circa 220.000 POS gestiti.

Il portafoglio clienti di Axepta, fedele e altamente diversificato, composto da circa 37.000 merchant, sarà così integrato al portafoglio clienti di Worldline. Grazie all’integrazione delle attività con Worldline, gli esercenti, attuali e futuri, avranno l’opportunità di accedere a prodotti e servizi in continua evoluzione e con i più alti standard di qualità e tecnologia sul mercato, per assicurare una corretta risposta alle esigenze di business specifiche e una miglior customer experience. Inoltre, grazie ad una partnership commerciale a lungo termine con BNL, la joint-venture potrà contare, come canale commerciale chiave, su una delle più forti reti bancarie italiane.

Come più grande merchant acquirer e terzo maggior fornitore di servizi di accettazione di pagamenti online in Europa, Worldline fornisce una copertura senza confronti nel settore dei pagamenti, una gamma completa di servizi online e sul punto vendita, nonché soluzioni verticali specializzate, per sostenere la crescita del business dei propri clienti, ovunque essi siano, con profonde competenze operative ed economie di scala. In futuro, i clienti merchant italiani beneficeranno del lancio delle offerte SMB di Worldline e delle sue capacità locali di acquiring per offrire una presenza europea completa ai grandi clienti internazionali e nazionali, e dell’implementazione di potenti soluzioni e-commerce e omnicanale per fornire agli utenti esperienze con i più alti standard di qualità.

La joint-venture è progettata per accogliere i partner bancari di Worldline già esistenti e altre banche italiane che desiderino beneficiare dell'eccellenza nel servizio, unita alla scala e alla struttura dei costi competitivi di un player leader a livello europeo.

Oltre 100 esperti nel settore dei pagamenti, si uniranno all'attuale team dei 20.000 in Worldline, contribuiranno con la loro specifica conoscenza del mercato ad accelerare lo sviluppo del business di Worldline in Italia, beneficiando al contempo delle opportunità uniche di sviluppo di carriera offerte dalla principale azienda paytech europea. Worldline vanta una storia di successo nella costruzione di partnership con banche leader nel settore del merchant acquiring, come ad esempio ANZ Bank in Australia o Komercni Banka nella Repubblica Ceca. 

Marc-Henri Desportes, Deputy CEO di Worldline, ha dichiarato: “La ragion d’essere, o company purpose, di Worldline ci spinge a progettare e gestire soluzioni di pagamento digitali e transazionali che consentano una crescita economica sostenibile e rafforzino il livello di fiducia e di sicurezza nella nostra società. Grazie alla nuova joint-venture in Italia, Worldline continuerà a realizzare la propria visione di un’industria dei pagamenti affidabile, sicura e rispettosa dell’ambiente”.

Stefano Calderano, CEO di Axepta e Country Manager Italia Worldline Merchant Services, ha dichiarato: “L’esperienza e le competenze specifiche di Worldline daranno un contributo fondamentale al miglioramento ed all’nnovazione dell’offerta dei servizi di pagamento per i clienti di oggi e quelli di domani, dal piccolo operatore commerciale alle Grandi aziende multinazionali alla ricerca di soluzioni di pagamento omnicanale. Inoltre la joint venture è essa stessa un “open vehicle” per accogliere nuovi Istituti Finanziari che desiderino accedere a soluzioni di acquiring avanzate rafforzando la soddisfazione dei propri clienti, e mantenendo il pieno controllo della relazione commerciale.”

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo