Quantcast

vigilanza carente

Troppi reclami, Esma tira le orecchie all'authority cipriota

l’Esma ha pubblicato due raccomandazioni indirizzate alla Cyprus Securities and Exchange Commission (CySEC), le cui attività di vigilanza sulle imprese di investimento attive in libera prestazione si sono rivelate insufficienti.

Troppi reclami, Esma tira le orecchie all'authority cipriota

L’Esma, Autorità europea degli strumenti finanziari e dei mercati. ha pubblicato lo scorso 10 marzo un primo Rapporto di esperti (peer review report) 
https://www.esma.europa.eu/sites/default/files/library/esma42-111-5534_report_peer_review_cross_border_activities_investment_firms.pdf
- a cui ha partecipato anche la CONSOB con un proprio delegato - recante la valutazione dell’attività di supervisione svolta da sei Autorità Nazionali Competenti (NCA) di alcuni Stati membri Ue sulle attività transfrontaliere svolte in libera prestazione prestate dalle imprese d’investimento e dalle banche soggette alla loro vigilanza. Segnatamente, le sei NCA interessate alla peer review sono: AFM (Paesi Bassi), BaFin (Germania), CNB (Repubblica Ceca), CSSF (Lussemburgo), CySEC (Cipro) e MFSA (Malta).


Ai sensi degli articoli 16, paragrafo 1, e 30, paragrafo 4, del regolamento (UE)1095/2010, l’ESMA ha pubblicato due raccomandazioni indirizzate all‘Autorità cipriota Cyprus Securities and Exchange Commission (CySEC), le cui attività di vigilanza sulle imprese di investimento attive in libera prestazione si sono rivelate insufficienti.
https://www.esma.europa.eu/sites/default/files/library/esma42-110-3354_recommendations_cysec_pr_cross-border.pdf


CySEC risulta infatti avere, tra l’altro, non solo il livello più alto di attività transfrontaliere in libera prestazione in uscita svolte dalle imprese cipriote, ma anche il maggior numero (a) di reclami e (b) di richieste di cooperazione da parte di altre NCA relativamente alle suddette attività. CySEC dovrà informare l'ESMA se intende conformarsi a tali raccomandazioni entro due mesi.


E’ la prima volta che tali raccomandazioni - finalizzate a stabilire pratiche di vigilanza coerenti, efficienti ed efficaci nell'ambito del Sistema europeo di vigilanza finanziaria - sono indirizzate dall’ESMA ad una NCA. L’Esma ha ribadito la necessità che le NCA europee migliorino il loro approccio nelle fasi di autorizzazione, di vigilanza continuativa e di enforcement, correlandolo alle attività transfrontaliere delle imprese di investimento e calibrando la vigilanza in base alla natura, portata e complessità delle attività transfrontaliere di tali imprese e ai rischi che ciò comporta. Il tutto con il fine di garantire ai clienti retail lo stesso livello di protezione indipendentemente dalla sede dell'impresa che offre i relativi servizi.


Garantire la protezione degli investitori retail e il corretto funzionamento del mercato unico sono infatti ad avviso dell’Esma presupporti essenziali per lo sviluppo della capital market union e rappresentano la missione dell’Autorità europea e delle Autorità di vigilanza nazionali.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo