Quantcast

Finanza e rinnovabili

Obton, accordo sul solare con Generali Global Infrastructure, Natixis CIB e UniCredit

L’operatore del mercato fotovoltaico italiano ottiene un project financing green da oltre 400 milioni di euro da fondi gestiti da Generali Global Infrastructure, Natixis CIB e UniCredit per il rifinanziamento di un portafoglio fotovoltaico brownfield da 116 MW in Italia

La sindrome Nimby fa ombra al fotovoltaico

Generali Global Infrastructure per conto di alcuni fondi, Natixis CIB e UniCredit hanno chiuso con successo il project financing green finalizzato, tra l'altro, al rifinanziamento, revamping e re-leveraging di un portafoglio fotovoltaico brownfield ("portafoglio WT2") di 116 MW composto da impianti situati in Italia. 

Tutti e tre le istituzioni finanziarie hanno agito come Structuring Mandated Lead Arrangers e Lenders, mentre UniCredit e Natixis CIB hanno agito anche come Bookrunners, Hedging Banks e Sustainability Global Coordinators. BNL ha agito come Account bank, mentre Natixis come Agent. DLA Piper ha supportato i finanziatori come consulente legale, mentre Orrick come consulente legale del mutuatario. Praxi e KBD hanno agito come consulenti tecnici dei finanziatori e del mutuatario rispettivamente. SURE - Sustainable Revolution - ha agito come consulente finanziario per Obton.

Il portafoglio brownfield WT2 è composto da diversi impianti fotovoltaici situati in Italia ed è stato originariamente acquistato dal gruppo Obton, attraverso la sua affiliata WT II Senior S.r.l. e successivamente rifinanziato con questo finanziamento green. 

Obton Group, a seguito dell'acquisizione del portafoglio WT2, è diventato il quinto operatore del mercato fotovoltaico italiano, confermando il suo forte interesse a investire nel settore delle energie rinnovabili in Italia. 

L'operazione di green project finance, strutturata come un finanziamento HoldCo con WT II Senior S.r.l. come Borrower, prevede quattro tranche: una Term Facility finalizzata principalmente al rifinanziamento dell'indebitamento esistente, una Capex Facility per finanziare i lavori di revamping, una True-up Facility per il re-leverage del portafoglio e una DSR Facility. 

Tutti i 144 impianti fotovoltaici sono già operativi, connessi alla rete e dislocati sul territorio italiano, con una significativa diversificazione geografica. Gli impianti fotovoltaici sono gestiti da diverse SPV e sono stati collegati tra giugno 2008 e marzo 2013, mostrando un track record operativo positivo. Il portafoglio ha il potenziale per servire circa 50 mila famiglie, con un risparmio di CO2 di oltre 70 mila tonnellate all'anno.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo